Ritratti di giovani cosplayer russi

Un reportage fotografico sulla cultura e l'identità di ragazzi nati in un momento storico di fragilità culturali e identitarie

Cosplayers russi

Mariya Kozhanova è una fotografa nata nel 1986 a Kaliningrad, in Russia, specializzata in fotografia documentaria e interessata soprattutto a raccontare le scelte di vita dei giovani coetanei del suo paese. Dal 2012, per il progetto Declared Detachment, Kozhanova ha fotografato decine di ragazzi russi appassionati di “cosplay”, cioè la pratica di vestirsi come personaggi di film, fumetti o cartoni animati preferiti per ritrovarsi in occasioni pubbliche come raduni e festival, o più semplicemente con altri appassionati. Kozhanova ha mostrato con le sue foto anche lo spirito malinconico di questi ragazzi nati durante il crollo dell’Unione Sovietica, cioè in un momento di grande insicurezza storica, che li ha portati a prendere in prestito idee e simboli provenienti da culture diverse. Come spiega Kozhanova:

La serie “Declared Detachment” rappresenta una generazione che è nata in tempi in cui sono crollate le certezze di una società ben organizzata e di un’identità stabile. Tutti i miti e le convinzioni che erano state la forza trainante per le generazioni precedenti sono andati distrutti. In questo momento la società non poteva offrire loro nessun ideale in cui credere. Alcuni di loro, così, hanno dichiarato il loro distacco (“detachment”) attraverso la cultura di massa giapponese del “cosplay”, quel mondo semplice, accattivante e spettacolare degli eroi degli anime, fatto di costumi colorati, in cui ognuno può decidere di diventare un personaggio. Questa generazione si è rifugiata così in un’ideologia differente, cercando di costruirsi il proprio mondo di illusioni.

La serie completa e gli altri lavori di Mariya Kozhanova si possono vedere sul suo sito.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.