• Mondo
  • sabato 22 Agosto 2015

Come sono distribuiti uomini e donne nel mondo

Perché negli ex paesi sovietici ci sono più donne che uomini? Qual è la nazione con la più alta concentrazione di uomini? Come siamo messi in Italia?

di Julia Smirnova e Weiyi Cai – Washington Post

In questo momento nel mondo ci sono più uomini che donne: secondo le ultime stime dell’ONU, per ogni 100 donne che abitano sulla terra ci sono 101,8 uomini – in totale 3,64 miliardi contro 3,7 – e il loro numero è stabilmente in crescita dagli anni Sessanta. Ma una mappa del centro studi Pew elaborata sulla base dei dati stimati dall’ONU rivela che uomini e donne sono distribuiti in maniera molto diversa in giro per il mondo. In Europa e in particolare nei paesi dell’ex Unione Sovietica, per esempio, ci sono molte più donne; al contrario, il numero più alto di uomini in rapporto a quello delle donne lo troviamo negli Emirati Arabi Uniti e in altri paesi molto popolosi come India e Cina (ma anche in diversi paesi del Nordafrica). Come si spiegano questi dati?

mappa uomini donne

I paesi dell’ex URSS
Lituania, Lettonia, Armenia, Bielorussia, Russia, Estonia e Ucraina sono fra i paesi con la più elevata popolazione femminile al mondo. Gli stessi paesi sono primi per la differenza più alta dell’aspettativa di vita fra uomini e donne. In Bielorussia l’aspettativa di vita per un uomo è 65,3 anni, mentre per una donna è 77 anni. Solamente in Siria – dove da quattro anni è in corso una guerra civile – il divario fra i due dati è così ampio.

In Russia l’elevata concentrazione di donne può essere spiegata dalla storia recente. Nel 1897, stando ai dati del primo censimento tenuto nel paese, c’erano 98,9 uomini ogni 100 donne: più o meno lo stesso rapporto che esiste per esempio negli Stati Uniti (98,3 uomini ogni 100 donne). Nel 1939 in Russia c’erano invece 91,9 uomini ogni 100 donne. La distanza ha iniziato a crescere con la Prima guerra mondiale ed è aumentata con la guerra civile e le “grandi purghe” interne al Partito Comunista. Ma è stata la Seconda guerra mondiale ad avere un impatto devastante: nel 1959, quasi quindici anni dopo la sua fine, in Russia erano rimasti “solo” 81,9 uomini ogni 100 donne, e la distanza era ancora più ampia negli altri paesi dell’URSS coinvolti direttamente nella guerra, come l’Ucraina (dove c’erano 79,7 uomini ogni 100 donne).

mappa donne urss

I due dati si sono mantenuti distanti e oggi in Russia ci sono 86,8 uomini ogni 100 donne. Le ragioni per cui questo divario è stato mantenuto sono state spiegate in maniera un po’ spiccia da Verokinka Skvortsova, il ministro della Salute russo: in Russia l’aspettativa di vita per un uomo – poco più di 64 anni – è molto bassa anche perché diversi giovani muoiono in incidenti derivati dal consumo di alcol (uno studio del 2014 della rivista scientifica Lancet ha stabilito che il consumo di vodka è una delle principali cause di morti precoci, in Russia).

Nel mezzo
La distanza fra popolazione femminile e maschile si riduce molto nei paesi dell’Europa occidentale, in cui però le donne sono quasi sempre in numero maggiore rispetto agli uomini. In Italia, per esempio, ci sono 94,6 uomini ogni 100 donne, un dato quasi identico a quello rilevato in Francia – 94,8 – e comparabile a quello di Germania, Grecia e Serbia. Gli unici paesi europei dove sono presenti più uomini che donne – ma di pochissimo – sono Islanda, Norvegia e Lussemburgo.

All’estremità opposta
I numeri sono molto diversi in Cina e in India, due paesi noti per le loro pratiche di “femminicidio infantile”. In Cina ci sono 106,3 uomini per ogni 100 donne; in India il dato sale a 107,6. Questa discrepanza, secondo alcuni scienziati, porta a un aumento della violenza sociale e del tasso di omicidi. Le autorità cinesi lo ipotizzano da tempo, e stanno provando a ridurre il divario fra uomini e donne inasprendo le pene per gli aborti selettivi (cioè quelli che si basano sul sesso del feto) e istituendo bonus per i genitori delle bambine nelle zone rurali del paese.

Il gap fra uomini e donne diventa enorme in paesi del Medio Oriente come Arabia Saudita e Oman – che hanno società fermamente controllate dagli uomini – ma soprattutto in Qatar e negli Emirati Arabi Uniti, in cui rispettivamente abitano 274 e 265,5 uomini ogni cento donne. Gli Emirati Arabi Uniti, in particolare, sono il paese dove il divario fra gli uomini e le donne è più ampio al mondo. La ragione principale è che moltissimi lavoratori stranieri maschi negli ultimi anni sono arrivati negli Emirati Arabi Uniti e altri stati limitrofi senza portarsi dietro la propria famiglia.

popolazione-donne-uomini

©Washington Post 2015