Le “foto del viaggio di un migrante su Instagram” sono una campagna pubblicitaria

Circolano da stamattina su molti giornali, anche italiani, ma i protagonisti sono attori e servono a promuovere un festival

Circolano da questa mattina le foto pubblicate sull’account Instagram @abdoudiou1993, che sembrano mostrare il viaggio di un giovane ragazzo dal Senegal fino alla Spagna. Le foto mostrano la partenza con le ultime foto in famiglia, la traversata del deserto, del Marocco e dello stretto di Gibilterra fino all’arrivo in Spagna, con l’arresto da parte della polizia e l’arrivo in un centro di detenzione per immigrati irregolari. Diversi giornali, a partire dall’edizione britannica dell’Huffington Post hanno ripreso la storia, presentandola come autentica. In Italia ne hanno parlato La Stampa, Il Corriere della Sera, Vanity Fair, e l’Huffington Post tra gli altri, senza mettere in dubbio che siano autentiche: ma in realtà è una campagna pubblicitaria per promuovere un festival di fotografia. Nel corso del pomeriggio alcuni di questi giornali hanno corretto i loro articoli, senza segnalare che nelle versioni precedenti presentavano le foto come autentiche.

#penthouse #family #weekend #happyfamily #bestdayever #love #willmissyou #daydreamers #african #senegal #dakar

A photo posted by Abdou Diouf (@abdoudiouf1993) on

Ready for everything. Prepared for the new experiences. #newlook #swag#haitdos#beautifull#mua#hairstylist#

A photo posted by Abdou Diouf (@abdoudiouf1993) on


Jaime Rubio Hancock, un giornalista del quotidiano spagnolo El País a cui era stato chiesto di occuparsi della storia, ha notato alcune stranezze nelle didascalie delle foto pubblicate. Tutte le didascalie, infatti, contengono hashtag piuttosto inusuali e incongrui rispetto alle foto pubblicate, molto “occidentali” in un certo senso: #happyfamily #daydreamers, per la foto di addio alla famiglia; #newlook per quella del taglio dei capelli, fino a #acab per quella dell’arresto (ACAB è l’acronimo di All Cops Are Bastards, un slogan usato dai movimenti che contestano le forze di polizia). Tra i vari hashtag, Hancock ne ha trovato uno che ha attirato la sua attenzione: #getxophoto. Con una breve indagine Hancock è riuscito a ricostruire la storia delle foto.

Getxophoto è un festival di fotografia e per attirare l’attenzione sulla prossima edizione che inizierà il prossimo 3 settembre ha prodotto una campagna pubblicitaria incentrata sui viaggi dei migranti per arrivare in Europa. Sulla sua pagina Facebook c’è uno spot che è la versione video del viaggio raccontato dalle foto sul profilo di Instagram @abdoudiou1993. Il protagonista delle fotografie, scrive Buzzfeed, è spagnolo e nella vita fa il giocatore di pallamano.

Gli organizzatori di Getxophoto hanno spiegato a El País di aver chiesto al regista Tomás Peña di creare il video per la campagna pubblicitaria. Le tre persone che compaiono nelle foto e nel video sono tre attori non professionisti. I responsabili di Getxophoto hanno spiegato di aver voluto giocare con il contrasto gli hashtag e le foto, abbinando hashtag che sono molto frequenti sui profili Instagram europei con le foto del viaggio del migrante. Questo è il comunicato di Getxophoto sulla campagna:

L’agenzia creativa Volga presenta la campagna pubblicitaria per la prossima edizione del GETXOPHOTO.

Pensata dallo studio Manson di Barcellona, la campagna di quest’anno è formata da un video di 60 secondi e da un account Instagram collegato che funzionano come una riflessione sul modo in cui usiamo e condividiamo le immagini dei migranti e delle migrazioni sui giornali e i social network.

La campagna è anche un commento su come l’uso e l’importanza della fotografia siano cambiati radicalmente negli ultimi anni, con le immagini di viaggio che sono inesorabilmente legate alla loro “autenticità”. In questo senso la fotografia diventa cruciale per la costruzione sociale del “viaggio” in una società globalizzata.

Se questo è vero per il turismo di massa lo è anche per i grandi numeri di persone che sempre di più viaggiano per necessità. Migranti e rifugiati, sfollati in fuga da regimi dittatoriali, dagli orrori della guerra e dai disastri economici e ambientali.

Le altre foto del profilo Instagram:

First step in spain. A big step for my future. #spain #beach #running #runtoinspire #runforfuture

A photo posted by Abdou Diouf (@abdoudiouf1993) on