Le nuove “nuove immagini di Plutone”

Mostrano il lato nascosto del pianeta nano, e sembrano provare l'esistenza di vento, ghiacciai, attività tettonica e geologica

(NASA/JHUAPL/SwRI)

Il 24 luglio la Nasa ha diffuso alcune nuove immagini di Plutone scattate da New Horizons, la sonda partita più di nove anni fa dalla Terra per raggiungere il pianeta nano del nostro sistema solare, che si trova a circa 4,8 miliardi di chilometri da noi. Le nuove fotografie scattate da New Horizons hanno un grande valore sia estetico che scientifico: oltre che belle sono utilissime per capire molte cose su Plutone. Forniscono infatti utili indizi per capire la composizione e le dinamiche di quella che è stata chiamata la “Tombaugh Regio”, l’area a forma di cuore in basso a destra nelle foto di Plutone.

L’alta risoluzione delle nuove immagini mostra che la metà sinistra e la metà destra della regione a forma di cuore sono molto diverse: gli scienziati della Nasa pensano che la differenza sia motivata dal fatto che l’area sinistra (più vecchia) si sta espandendo verso l’area destra (più giovane). L’espansione potrebbe essere spiegata dall’esistenza di vento su Plutone, un’ipotesi che gli scienziati hanno definito “strabiliante“. Altre immagini di Plutone mostrano quella che potrebbe essere la prova dell’esistenza di ghiacciai di azoto, attività geologica e tettonica. Un’altra fotografia scattata da New Horizons mostra infine il lato nascosto di Plutone.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.