Le nuove foto di Plutone e dei suoi satelliti

Le ha diffuse la NASA insieme a una notevole simulazione video che mostra cosa si vedrebbe sorvolando il pianeta nano

Il 17 luglio la NASA ha fatto una conferenza stampa in cui ha presentato e commentato alcune nuove immagini di Plutone scattate dalla sonda spaziale New Horizons. New Horizons è partita più di nove anni fa dalla Terra proprio per raggiungere il pianeta nano del nostro sistema solare, che si trova a circa 4,8 miliardi di chilometri da noi. La NASA ha spiegato che le nuove immagini aiuteranno a capire meglio la geologia del pianeta e altri aspetti che lo riguardano: si è scoperto per esempio che in alcune zone di Plutone c’è un’alta concentrazione di monossido di carbonio. Le nuove immagini che arrivano da New Horizons mostrano anche Caronte, uno dei satelliti Plutone.

Nelle ultime ore la NASA ha diffuso anche una simulazione video che mostra cosa si vedrebbe sorvolando diverse aree di Plutone: alcune hanno montagne alte, altre delle grandi pianure.

New Horizons aveva già scattato alcune fotografie di Plutone nella sua fase di avvicinamento, permettendo tra le altre cose di calcolarne con più precisione le dimensioni. Le fotografie e i dati rilevati dovrebbero inoltre permettere di capire qualcosa di più sull’atmosfera di Plutone, che si ritiene sia molto rarefatta. I ricercatori non sanno di preciso come mai il pianeta nano abbia colorazioni così diverse: una risposta sarà data dall’analisi geologica resa possibile dalle rilevazioni di New Horizons. Ci sono punti estremamente scuri, chiazze nere mai osservate in altri pianeti, e a pochi chilometri di distanza chiazze chiarissime o colorate. Le prime fotografie a distanza di New Horizons hanno mostrato che parte di Plutone ha una colorazione rossiccia, seppure più tenue rispetto a quella di Marte.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.