Turisti davanti alla fermata della linea B del Colosseo. (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)
  • Italia
  • martedì 14 luglio 2015

Continuano i ritardi sulla metropolitana di Roma

Da giorni ormai il trasporto pubblico di Roma funziona peggio del solito: 10 dipendenti ATAC sono stati messi sotto procedimento disciplinare

Turisti davanti alla fermata della linea B del Colosseo. (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

La metropolitana di Roma continua a subire molti ritardi da diversi giorni: tra un treno e l’altro passano anche più di 20 minuti e i vagoni sono sempre molto pieni. La ragione di questi ritardi non è chiara: secondo alcuni si tratta di uno sciopero “bianco” – quindi non annunciato e non autorizzato – dei dipendenti di ATAC, l’azienda di trasporto pubblico di Roma. Le ragioni della protesta dei lavoratori ATAC sarebbero l’introduzione da settembre di una forma di controllo orario, con dei cartellini elettronici (badge) da timbrare all’inizio e alla fine del turno di lavoro, e l’aumento delle ore lavorative: attualmente sono circa 700 l’anno per i dipendenti ATAC, mentre a Milano sono 1.100 e a Napoli 950.

Secondo il sindaco di Roma, Ignazio Marino, una minoranza dei dipendenti di ATAC sta creando i ritardi. Il Messaggero riporta che l’ATAC ha messo sotto procedimento disciplinare 10 dipendenti per interruzione di pubblico servizio: se l’accusa venisse confermata si procederebbe al licenziamento. Marino ha detto anche che bisogna migliorare il servizio sulla Roma-Lido, il treno che porta da Roma a Ostia, per farla diventare una vera metropolitana urbana. Il sindaco ha sostenuto inoltre che l’amministrazione si deve impegnare per fare in modo che i pezzi di ricambio per i mezzi pubblici arrivino puntualmente in modo da garantire il servizio in sicurezza.

Secondo Micaela Quintavalle, del sindacato CambiaMenti, i ritardi invece non hanno nulla a che vedere con l’aumento delle ore di lavoro o con l’introduzione del cartellino elettronico. I dipendenti ATAC avrebbero semplicemente deciso di adottare rigorosamente le regole per la sicurezza e l’igiene dei mezzi di trasporto. I mezzi pubblici di Roma sono per la maggior parte abbastanza vecchi e quindi non sarebbero nelle condizioni di trasportare i passeggeri. Il numero di mezzi dichiarato inagibile dai dipendenti ATAC è triplicato dall’inizio di luglio. Inoltre, si legge sul sito di CambiaMenti, paragonare i lavoratori di città come Roma, Milano e Napoli è scorretto perché le città sono diverse sia in termini demografici che urbanistici.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.