Alcuni migranti a Ventimiglia, Imperia (Gianni Barlassina, il Post)
  • Mondo
  • venerdì 26 giugno 2015

C’è un accordo europeo sui migranti

Questa notte i leader dell'Unione Europea hanno concordato la ridistribuzione di 40mila richiedenti asilo, ma non ci saranno quote obbligatorie: Renzi lo trova "modesto"

Alcuni migranti a Ventimiglia, Imperia (Gianni Barlassina, il Post)

Dopo una riunione a Bruxelles nella notte tra giovedì e venerdì, i leader dei paesi dell’Unione Europea si sono accordati per la ridistribuzione di migliaia di migranti arrivati negli ultimi mesi in Italia e in Grecia. Il piano è stato annunciato da Donald Tusk, il presidente del Consiglio europeo, che ha confermato che circa 40mila richiedenti asilo saranno assegnati ai diversi stati europei nel corso dei prossimi due anni. Durante il vertice è stato però deciso che l’adesione al sistema di quote non sarà obbligatoria per le singole nazioni come previsto dalla prima bozza dell’agenda europea sull’immigrazione presentata lo scorso maggio. E ci sono infatti alcune eccezioni. Il Regno Unito non parteciperà all’iniziativa, mentre Ungheria e Bulgaria hanno ottenuto una sorta di esenzione. Il governo ungherese ha a che fare da mesi con l’arrivo di migliaia di migranti, mentre la Bulgaria è uno dei paesi più poveri dell’Unione Europea e faticherebbe a trovare le risorse per sostenere l’emergenza.

Lo scorso maggio la Commissione Europea aveva approvato un piano che ridefiniva i principi in base ai quali i 28 stati membri dell’Unione Europea avrebbero dovuto accogliere gli immigrati richiedenti asilo. Le persone, era stato deciso, sarebbero state trasferite in base a quattro criteri: la popolazione (che inciderà al 40 per cento), il PIL (un altro 40 per cento), la disoccupazione e il numero di richiedenti già accolti (entrambi al 10 per cento). Più sono i suoi abitanti e maggiore è il suo PIL, più saranno quindi i migranti che uno stato dovrà accogliere.

Durante l’ultimo vertice tra i leader europei è stato trovato un accordo per ridistribuire anche altri 20mila profughi, ma con modalità diverse da stabilire in un prossimo incontro dei ministri dell’Interno degli stati membri entro la fine di luglio. Per quanto riguarda Italia e Grecia, secondo l’agenzia dei rifugiati delle Nazioni Unite (la UNHCR), quest’anno via mare sono arrivati rispettivamente 63mila e 62mila migranti.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, come riportano diversi giornali, avrebbe definito “modesto” l’accordo raggiunto nella notte, confermando che l’Italia si aspettava una serie di iniziative più incisive e tese a una maggiore collaborazione tra gli stati membri. Secondo alcune fonti consultate dal Corriere della Sera, durante l’incontro notturno con i leader europei Renzi avrebbe attaccato diversi colleghi dicendo: «Se non siete d’accordo sui 40mila non siete degni di chiamarvi Europa. Se questa è la vostra idea di Europa, tenetevela. O c’è solidarietà o non fateci perdere tempo”». Renzi ha soprattutto criticato la mancanza di quote obbligatorie, soluzione cui erano contrari fin dall’inizio i paesi dell’Europa dell’est. Al termine dell’incontro ha comunque scritto su Facebook: «Alle tre del mattino, ma meglio tardi che mai: l’Europa accetta la redistribuzione di 40mila donne e uomini arrivati sulle coste nostre e greche. Un primo passo, certo. Non sufficiente a mio giudizio. Ma superiamo il principio del trattato di Dublino, sciaguratamente firmato in passato anche dall’Italia. Un segno di solidarietà finalmente e la dimostrazione che l’Europa sta insieme per un ideale, non solo per dei valori economici. Certo: c’è ancora molto da fare, e lo faremo. Oggi vince l’Europa della solidarietà e perde l’Europa dell’egoismo: si cambia verso».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.