Un visitatore osserva alcuni robot tra cui C-3PO, il robot di Star Wars alla mostra"Star Wars Identities" alla Città del Cinema. Saint-Denis, il 13 febbraio 2014. (PATRICK KOVARIK/AFP/Getty Images)

Facebook apre un centro di ricerca per l’Intelligenza Artificiale a Parigi

È il primo in Europa, dopo altri due negli Stati Uniti: all'inizio ci lavoreranno stabilmente sei persone

Un visitatore osserva alcuni robot tra cui C-3PO, il robot di Star Wars alla mostra"Star Wars Identities" alla Città del Cinema. Saint-Denis, il 13 febbraio 2014. (PATRICK KOVARIK/AFP/Getty Images)

Facebook aprirà un nuovo centro di ricerca per il “machine learning”, cioè lo sviluppo di intelligenze artificiali. Per intelligenze artificiali non si intendono cose robotiche come gli androidi di Blade Runner, ma computer che sono in grado di imparare da soli in base ai dati che immagazzinano. Facebook si occupa di intelligenza artificiale già dal 2013, anno in cui ha aperto un primo centro di ricerca specializzata in California e poi un secondo a New York: nei due centri oggi lavorano più di 40 ricercatori, tra professori universitari e sviluppatori.

Il centro di Parigi inizierà a lavorare con una squadra di sei persone: dovrebbero diventare una dozzina entro la fine del 2015 e poi aumentare ancora fino ad arrivare a una trentina nel giro di pochi anni. Il direttore della ricerca di Facebook sull’intelligenza artificiale, Yann Lecun, è francese e si è laureato all’Università Pierre et Marie Curie di Parigi. Secondo Lecun in Francia ci sono molti e validi esperti di informatica e matematica, le due discipline principali nello sviluppo dell’intelligenza artificiale.

Facebook naturalmente non è l’unica azienda a essere interessata agli sviluppi dell’intelligenza artificiale: anche le altre grandi aziende di tecnologia stanno investendo molto nel settore. Google di recente ha acquisito una startup di machine learning per 400 milioni di dollari. IBM ha avviato un programma per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale chiamato Watson, e ci ha investito un miliardo di dollari.