Samantha Cristoforetti spiega come si fa ad andare in bagno nello Spazio

Ci sono fondamentalmente un tubo e un contenitore all'interno di una piccola stanza: Cristoforetti spiega come utilizzarli in un video dell'Agenzia Spaziale Europea

L’astronauta italiana Samantha Cristoforetti ha spiegato in un video pubblicato dall’Agenzia Spaziale Europea come funziona il bagno della Stazione Spaziale Internazionale, dove si trova da circa 6 mesi. Nel video, Cristoforetti mostra il funzionamento di due macchinari che smaltiscono rispettivamente la pipì e la cacca degli astronauti.

Per quanto riguarda la prima, gli astronauti usano una specie di tubo che la aspira e la invia in una macchina che provvede a riciclarla in acqua potabile. Per quanto riguarda la cacca, al centro del bagno della Stazione Spaziale Internazionale c’è un piccolo sedile che poggia su un contenitore grigio, che è quello che contiene effettivamente le feci. All’imboccatura del contenitore è fissato un sacchetto usa e getta, che una volta raccolta la cacca dell’astronauta viene chiuso e gettato nel contenitore. La persona che utilizza il contenitore, oltre che a chiudere il sacchetto, deve fissarne uno nuovo per il prossimo utilizzatore. Il sedile serve teoricamente per rendere l’operazione più comoda per gli astronauti, ma Cristoforetti ha detto che molti preferiscono semplicemente alzarlo e richiuderlo una volta finito. Il contenitore grigio contenente la cacca nei sacchetti viene poi vuotato ogni dieci giorni circa.

Samantha Cristoforetti ha 38 anni ed è la prima donna a fare parte di un equipaggio dell’Agenzia Spaziale Europea. Si trova nella Stazione Spaziale Internazionale dal 24 novembre 2014.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.