Civati lascia il PD

«Non ho più fiducia, non sosterrò il governo e per questo lascio il gruppo del PD»

Pippo Civati ha annunciato mercoledì la sua uscita dal Partito Democratico. Deputato lombardo del PD e già candidato a segretario del partito durante l’ultimo congresso, da tempo le sue posizioni erano molto diverse da quelle di Matteo Renzi, segretario del PD e presidente del Consiglio, col quale aveva avuto qualche anno fa anche un periodo di intensa alleanza e collaborazione. Civati, che ha 39 anni, ha annunciato e spiegato le sue intenzioni al Post con queste parole.

«Non ho più fiducia, non sosterrò il governo e per questo lascio il gruppo del PD»

Poco dopo ha aggiunto all’ANSA: «Esco dal gruppo del Pd. Per coerenza con quello in cui credo e con il mandato che mi hanno dato gli elettori, non mi sento più di votare la fiducia al governo Renzi. La conseguenza è uscire dal gruppo». Sul suo blog ha scritto un post che aggiunge ancora qualcosa e parte dal Powerwall di Elon Musk.

Nikola Tesla, nato in Serbia a metà del 1800 e statunitense naturalizzato, è stato un pioniere dell’elettricità, il suo lavoro teorico è alla base del sistema a corrente alternata e ha dato un decisivo impulso alla seconda rivoluzione industriale, ma è stato anche un personaggio ammantato di un certo alone di mistero, e con lui alcune sue teorie meno comprese. La Tesla Energy, che non a caso ne raccoglie il cognome, è invece un’azienda californiana tra le più innovative e tenute sotto osservazione per le sue invenzioni nel campo della produzione e conservazione dell’elettricità. (continua)

Poi ha scritto un altro post, più lungo e politico, in cui spiega estesamente la decisione.

Il mio è un messaggio per gli elettori del Pd e del centrosinistra: mi dispiace, per me, per voi. Mi dispiace deludere alcuni di voi e condividere la delusione di chi deluso è già da molto tempo.
Come molti, non mi sento rappresentato da questa situazione. Lo ripeto da qualche giorno: non ho più fiducia in questo governo, nelle sue scelte, nei modi che ha scelto, negli obiettivi che si è dato.
Non ne ho avuta personalmente fin dall’inizio, quando si scelse di proseguire con le larghe intese: avevamo deciso che durassero solo due anni, che sarebbero scaduti già, mentre abbiamo deciso di andare avanti fino al 2018, cambiando premier – in quel modo sobrio e istituzionale che tutti ricorderete – ma senza cambiare il programma di governo. Senza nemmeno scriverlo, per altro, con i risultati che sappiamo. Votai quella fiducia solo per rimanere nel Pd, lo spiegai allora, solo perché mi ero appena candidato al Congresso e per rispetto degli elettori (che pure nella consultazione che avviammo si divisero esattamente a metà) .
Non ho più fiducia perché dopo la fiducia della scorsa settimana, non si può chiudere così, come se fosse solo una parentesi, come se questo non costituisse un precedente.
Per ragioni di coerenza passo al gruppo misto, nella considerazione che anche il gruppo del Pd lo sia diventato, avendo accolto parlamentari di tutte le provenienze. [Continua]

foto: Fabio Cimaglia / LaPresse

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.