• Media
  • mercoledì 6 maggio 2015

La lettera di Rolex contro Alfano e Renzi

L'amministratore delegato della famosa azienda di orologi di lusso chiede una "rettifica" dopo l'associazione del marchio coi violenti di Milano

Dopo le violenze del primo maggio a Milano, il ministro degli Interni Angelino Alfano aveva detto che i responsabili erano «farabutti con il cappuccio e figli di papà con il Rolex»; due giorni dopo anche Matteo Renzi aveva detto: «agli amici del PD di Milano dico grazie: mentre quelli col Rolex andavano a distruggere le vetrine loro si sono messi a pulirle». La cosa era nata dalla pubblicazione di una foto che mostrava una manifestante vestita di nero usare una bomboletta spray mentre sul polso indossava un orologio descritto come un Rolex (ma in realtà impossibile da riconoscere con certezza). Sui giornali di oggi c’è una lettera di Gianpaolo Marini, amministratore delegato di Rolex Italia, che si lamenta per l’ingiusta associazione dell’azienda ai violenti di Milano (e anche per la scelta di scrivere Rolex in minuscolo, sembra di capire).

corriere-rolex

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.