Apple Watch ha un problema coi tatuaggi

Se indossati da persone che hanno un tatuaggio sul polso danno problemi al sensore che rileva i battiti cardiaci, dice Apple

Da settimane alcune persone che utilizzano Apple Watch, lo smartwatch di Apple in vendita in diversi paesi del mondo ma non ancora disponibile in Italia, hanno notato che i suoi sensori funzionano male nel caso l’orologio venga indossato da una persona che ha dei tatuaggi sul polso. Gli Apple Watch indossati dalle persone che hanno un tatuaggio sul polso hanno difficoltà soprattutto a misurare il battito cardiaco e a rilevare se l’orologio sia effettivamente indossato o sia “a riposo” (nel caso l’orologio non sia al polso, richiede l’inserimento di un codice per essere sbloccato). Dopo alcuni giorni di lamentele, Apple ha aggiornato la pagina di supporto di Apple Watch sul proprio sito, aggiungendo una frase che riguarda i tatuaggi:

Cambiamenti temporanei o permanenti alla pelle, come ad esempio i tatuaggi, possono dare problemi al sensore che rileva i battiti cardiaci. L’inchiostro, il disegno e la saturazione del colore di alcuni tatuaggi possono bloccare l’impulso luminoso inviato dal sensore, rendendo più difficile ottenere dati affidabili.

Il funzionamento del rilevatore del battito cardiaco di Apple Watch è stato sintetizzato così da CNN: «il retro dell’orologio manda impulsi luminosi LED verdi e altri infrarossi che vengono assorbiti o riflessi dal sangue. Quando il cuore emette una pulsazione, è presente una quantità più elevata di sangue nel polso rispetto al periodo di tempo fra una pulsazione e l’altra. Calcolando la quantità di sangue sia durante le pulsazioni sia durante le “pause”, Apple Watch è in grado di calcolare il battito cardiaco». Il guaio è che i colori dei tatuaggi presenti sulla pelle assorbono gli impulsi luminosi, non permettendo loro di arrivare fino al sangue e completare la rilevazione. Secondo il sito di tecnologia iMoreil problema è più grave coi tatuaggi dal colore particolarmente scuro e denso.

Non sembra che al momento esista una soluzione al problema. Per risolvere almeno il problema del rilevatore del battito cardiaco, l’unico per ora ammesso da Apple, The Verge ha suggerito di comprare una specie di fascetta in tessuto da indossare attorno al petto, dotata di sensori e compatibile con Apple Watch via Bluetooth.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.