• Italia
  • domenica 19 Aprile 2015

Il video di Sky Tg24 sul “sequestro” del peschereccio Airone

Una troupe di Sky si trovava a bordo della nave della Guardia Costiera libica e ha raccontato una versione della storia molto diversa da quella che circolava venerdì

Domenica 19 aprile Sky Tg24 ha diffuso un video girato a bordo della nave della Guardia Costiera libica che venerdì 17 aprile è rimasta coinvolta nel “sequestro” – come era stato inizialmente raccontato – del peschereccio italiano Airone. La vicenda è stata raccontata piuttosto confusamente da diversi giornali italiani, che avevano parlato di “attacco” e “sequestro” compiuto da “militari”, “miliziani” o anche “pirati”. Il video diffuso da Sky Tg24, la cui troupe si trovava casualmente sulla nave libica per realizzare un servizio sull’immigrazione clandestina, smentisce però queste ricostruzioni: i libici coinvolti non erano criminali, ma membri della Guardia Costiera libica. E il peschereccio italiano non sembra fuggire da un tentativo di sequestro: sembra piuttosto scappare verso l’Italia nonostante la richiesta delle autorità libiche di seguirle fino al porto di Misurata. Airone ha attraccato a Mazara del Vallo nella notte tra venerdì e sabato.

Nel video un’operatrice di Sky Tg24 racconta quello che è successo. Verso le 7 di venerdì mattina, dice, la Guardia Costiera libica avvista tre navi a circa 27 miglia dalle coste di Misurata: due navi riescono a scappare prima di essere intercettate (che secondo i giornali hanno poi avvisato la Marina italiana italiana di quello che stava succedendo). La terza nave, “Airone”, viene avvicinata e viene stabilito un contatto radio con il capitano Angelo Figuccia. Il dialogo tra i due capitani, ripreso da Sky Tg24, è piuttosto tranquillo e rilassato: il capitano libico dice ad Airone che devono togliere le reti e gli chiede di visionare i documenti di navigazione: Figuccia acconsente a entrambe le richieste. Dopo avere esaminato i documenti, il capitano della Guardia Costiera dice a Figuccia che prima di ripartire Airone deve andare nel porto di Misurata, probabilmente per ulteriori controlli. Figuccia dice: «Capitano non ci può fare andare, siamo qua per un pezzetto di pane, non ci può fare andare, cambio». La Guardia costiera libica insiste e Figuccia accetta: un membro dell’equipaggio libico disarmato sale a bordo di Airone dopo un avvicinamento e scambia un segnale con la propria nave. La giornalista di Sky Nancy Porsia racconta che a questo punto non si riesce più a stabilire un contatto radio con il peschereccio, e la Capitaneria di porto di Misurata informa che Airone è in rotta verso l’Italia, scortato da una nave della Marina italiana.

La ricostruzione di Sky è completamente diversa da quella circolata venerdì sulla stampa italiana, secondo cui c’era stata una “ribellione” dei pescatori della nave italiana che avevano rinchiuso nella stiva dei libici intenzionati a sequestrare illegalmente l’imbarcazione. Verso le 13 il ministero della Difesa italiano aveva detto che l’imbarcazione era stata sequestrata da un rimorchiatore, “presumibilmente appartenente a forze di sicurezza libiche”. La Marina militare aveva spiegato che i sette pescatori – tre italiani e quattro tunisini – erano stati tratti in salvo, e che gli uomini della Marina militare avevano preso il controllo della nave mettendola in sicurezza. Secondo la versione della Marina, mentre il militare libico saliva sul peschereccio erano stati esplosi accidentalmente alcuni colpi di arma da fuoco, e un pescatore era rimasto lievemente ferito. Un portavoce della Guardia Costiera libica aveva invece detto sempre venerdì che si era trattato di una “operazione pacifica, dove non è stato sparato alcun colpo di arma da fuoco”.

Il peschereccio Airone è rientrato a Mazara del Vallo dopo la mezzanotte di sabato, e i membri dell’equipaggio e il militare libico sono stati interrogati nei locali della Guardia costiera. La procura di Marsala ha aperto un’inchiesta sull’episodio.