Bugie, bugie virali e giornalismo

Sul Post il libro di Craig Silverman che spiega come le testate giornalistiche siano complici della diffusione di notizie false e inventate (e cosa dovrebbero fare)

Craig Silverman è un giornalista esperto di meccanismi dell’informazione online: e in particolare di disinformazione nelle testate giornalistiche online. Il mese scorso ha pubblicato su internet un libro che descrive i risultati di una ricerca fatta sulla base di dati e confronti scientifici a proposito del modo in cui i giornali online gestiscono le notizie false o non verificate. Le sue conclusioni maggiori sono che proprio i giornali e anche le testate tradizionali hanno un grosso ruolo nella diffusione delle notizie false in rete, e che ci sono dei modi e delle pratiche del giornalismo di sempre e di quello digitale che invece potrebbero essere applicate per fornire un servizio di informazione più affidabile senza perdere in traffico o lettori. Il Post ha tradotto in italiano il libro di Silverman che si può scaricare e leggere qui, in PDF. Craig Silverman è in questi giorni a Perugia al Festival del Giornalismo per partecipare sabato a un incontro intitolato “Combattere la disinformazione e smascherare bugie virali“, a cui interviene peraltro anche il peraltro direttore del Post, Luca Sofri (autore di un libro sullo stesso tema in uscita il prossimo 7 maggio).

– Bugie, bugie virali e giornalismo (PDF)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.