• Mondo
  • domenica 12 aprile 2015

La manifestazione con gli ologrammi a Madrid

Gli organizzatori sostengono che sia la prima di questo tipo nel mondo: si è tenuta di fronte al Parlamento spagnolo, contro la cosiddetta "legge bavaglio"

Nella sera di venerdì 10 aprile si è tenuta a Madrid, la capitale della Spagna, la prima manifestazione mai organizzata con degli ologrammi. La manifestazione è stata “indetta” dal gruppo No Somos Delito per protestare contro una legge sulla sicurezza approvata dal Parlamento che entrerà in vigore il prossimo primo luglio: la legge vieta, tra le altre cose, di bruciare la bandiera nazionale e protestare fuori dal Parlamento. È stata sostenuta dal Partito Popolare spagnolo, il partito del primo ministro conservatore Mariano Rajoy, mentre è stata criticata dalle opposizioni, che l’hanno definita “legge bavaglio”.

La manifestazione con gli ologrammi è stata messa in piedi usando circa 2mila immagini mandate a No Somos Delito da persone di tutto il mondo. Le immagini sono state proiettate proprio di fronte al Parlamento: hanno mostrato molte persone marciare e cantare slogan, e tenere in mano dei cartelli di critica alla “legge bavaglio” che chiedevano “libertà di espressione”.

El Pais ha scritto che la legge non ha raccolto grande consenso tra la popolazione spagnola: già alla fine dello scorso anno c’erano state manifestazioni di migliaia di persone in diverse città spagnole contro la legge. Secondo un sondaggio di Metroscopia, realizzato per l’organizzazione non governativa Avaaz.org, l’82 per cento degli spagnoli chiede che venga modificata o cancellata. In particolare, le opposizioni credono che la legge sia una minaccia per le assemblee politiche pubbliche e altre forme di protesta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.