Ritratti dalla “terra del crack”

Il reportage del fotografo brasiliano Felipe Dana da una delle cosiddette “cracolandia” brasiliane, le aree delle favelas in cui si vende e consuma crack

Un reportage dalla cosiddetta “cracolandia” – quelle zone delle favelas brasiliane in cui la principale attività è la vendita, e di conseguenza il consumo, del crack – è il più recente lavoro di Felipe Dana, giovane fotografo brasiliano. Il reportage mostra le facce e racconta le storie dei consumatori di crack. Per realizzarlo Dana ha chiesto agli abitanti di queste favelas di posare davanti a uno sfondo bianco, illuminato da due piccole luci, inserito nel buio contesto delle favelas. Già nel 2012 Felipe Dana aveva scelto di fotografare i consumatori di crack delle favelas brasiliane. Il problema del consumo di crack in Brasile è grave: si stima che circa 1 milione di brasiliani facciano uso di crack.

Felipe Dana, fotografo brasiliano nato nel 1985, si occupa di fotogiornalismo dal 2009, collaborando con Associated Press. È noto per aver documentato l’impatto sociale della Rio de Janeiro che si preparava ai Mondiali di calcio e che ancora si sta preparando alle Olimpiadi del 2016; ha ricevuto in questi anni importanti riconoscimenti per il suo lavoro: tra gli altri, il World Press Photo, il Pictures of the Year Latam (POY) e il China International Photo Competition (CHIPP).