• Mondo
  • martedì 7 aprile 2015

Le marce contro il terrorismo in Kenya

Centinaia di persone hanno manifestato a Nairobi e Garissa per ricordare gli studenti uccisi e chiedere al governo di proteggere i cittadini da al Shabaab

Oggi in Kenya ci sono state due marce contro il terrorismo e per la sicurezza nazionale: diverse centinaia di persone si sono riunite a Nairobi, la capitale dello stato, e a Garissa, dove giovedì 2 aprile un gruppo di miliziani islamisti di al Shabaab ha attaccato un campus universitario uccidendo 147 persone. Lo scopo delle marce è chiedere al governo di fare di più per garantire la sicurezza dei suoi cittadini, che da diversi anni sono vittime degli attacchi dei miliziani di al Shabaab e che si sentono poco protetti dall’esercito e dalla polizia: giovedi ci sono volute oltre 7 ore prima che le forze speciali dell’esercito arrivassero all’università di Garissa sotto attacco. Questa sera al termine delle due marce ci saranno delle veglie in ricordo dei morti nella strage di Garissa, per lo più studenti. In risposta all’attacco, domenica sera l’esercito kenyano ha bombardato due basi di al Shabaab in Somalia, usate per sconfinare in Kenya: il presidente kenyano Uhuru Kenyatta, dopo la strage, aveva promesso che avrebbe risposto “nel modo più duro possibile”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.