La Merda d’artista, spiegata ai ragazzi

Le tavole di Fausto Gilberti, artista e disegnatore, spiegano e raccontano l'arte del Novecento, in particolare quella concettuale

L’arte del Novecento – complessa, concettuale, di non facile comprensione spesso persino per gli adulti – è tra gli argomenti più difficili da spiegare e far conoscere ai ragazzi. Fausto Gilberti, artista e disegnatore di Brescia famoso per i suoi disegni di figure stilizzate, esili e con grandi occhi stralunati, sembra aver trovato il modo per farlo attraverso gli “omini” stilizzati che lo hanno reso famoso, in una serie di libri pubblicati dalla casa editrice Corraini. Finora ne sono stati pubblicati tre: uno dedicato a Piero Manzoni, uno a Jackson Pollock e un altro a Yves Klein.

In collaborazioni con la Fiera del libro per ragazzi – organizzata a Bologna dal 30 marzo al 2 aprile – e il Dipartimento educativo del MAMbo (Museo d’Arte Moderna di Bologna), Corraini ha organizzato la mostra “Fausto Gilberti e i suoi libri. Un artista racconta gli artisti: Manzoni, Pollock, Klein…”, che presenta le opere illustrate in cui Gilberti spiega a bambini e ragazzi la vita e l’arte dei tre grandi artisti del Novecento. Gilberti, con poche parole e con la semplicità delle sue tavole illustrate, racconta, per esempio, come Manzoni «iniziò a creare opere bizzarre che nessun altro aveva mai fatto», oppure perché «inventò le basi magiche», «firmò corpi nudi come fossero sculture, sculture viventi» e «invitò il suo pubblico a mangiare la sua arte». Fino a spiegare il “Fiato d’artista” e la ancora più famosa “Merda d’artista” di Manzoni.

La mostra, aperta fino al 26 aprile e visitabile all’interno del MAMbo, prevede laboratori e incontri con Fausto Gilberti, che per Corraini ha realizzato anche Rockstars: libro pubblicato nel 2011 che, allo stesso modo, raccontava la musica rock e i suoi più famosi interpreti, da Chuck Berry ai Cure, dai Rolling Stones agli Interpol.