• Mondo
  • venerdì 20 febbraio 2015

L’attentato dell’ISIS a Gubba, in Libia

Due autobombe sono esplose a un distributore di benzina: ci sono almeno 40 morti, l'attacco è stato rivendicato da un gruppo affiliato allo Stato Islamico

Venerdì mattina un gruppo affiliato Stato Islamico (o ISIS) ha fatto esplodere due autobombe a Gubba, città libica orientale a circa 40 chilometri da Derna, la base delle attività dell’ISIS in Libia. Almeno 40 persone sono rimaste uccise e secondo fonti locali ci sono molti feriti. Gubba è la città di provenienza di Agila Saleh, lo speaker del parlamento libico che ha sede a Tobruk, nell’est della Libia. Saleh ha detto ad al Arabiya che le autobombe hanno colpito un distributore di benzina. Ha aggiunto che probabilmente l’attacco è stato fatto come ritorsione ai bombardamenti egiziani su alcune postazioni dell’ISIS compiuti lunedì scorso. Saleh ha annunciato sette giorni di lutto.

Gubba è controllata dalle forze dell’ex generale Khalifa Haftar, che comanda un numero significativo di soldati e che da qualche tempo ha anche l’appoggio del governo riconosciuto internazionalmente di Tobruk (Haftar in passato era stato anche accusato di avere tentato un colpo di stato contro il governo legittimo). In Libia oggi ci sono due governi e due parlamenti: uno con sede a Tobruk e riconosciuto internazionalmente, l’altro con sede a Tripoli e controllato da una coalizione di milizie islamiste che si chiama Alba della Libia. Da pochi mesi si è cominciato a parlare anche della presenza dell’ISIS in alcune zone della Libia: per ora l’ISIS controlla Derna e una parte di Sirte, più a ovest. L’attentato è stato rivendicato da Wilayat al Barqah, la provincia dell’ISIS nell’est della Libia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.