Apple vuole produrre auto elettriche?

Secondo il Wall Street Journal ci sono oltre cento persone impiegate nel nuovo progetto: Apple, come sempre in questi casi, non ha commentato

Il Wall Street Journal, uno dei più prestigiosi quotidiani economico-finanziari del mondo, ha scritto che Apple sta progettando un’automobile elettrica. Il WSJ cita fonti interne alla società e dice che al momento ci sono di più di cento persone al lavoro sul progetto, a cui è stato dato il nome in codice “Titan”. Come quasi sempre accade per quanto riguarda le speculazioni sui progetti futuri di Apple, la società non ha commentato l’indiscrezione.

Il Wall Street Journal precisa che il progetto non necessariamente porterà allo sviluppo di un’automobile. La produzione di automobili elettriche è un business ancora molto costoso e rischioso. È già accaduto in passato che Apple studiasse la possibilità di sviluppare nuovi prodotti, arrivasse fino al punto di produrne alcuni prototipi e poi abbandonasse il progetto. In alcuni di questi casi, Apple ha utilizzato in altri dispositivi le tecnologie prodotte per i progetti abbandonati. Con le auto elettriche potrebbe accadere la stessa cosa: batterie più efficienti pensate per un’automobile potrebbero essere utilizzate in altri dispositivi Apple anche nel caso il progetto “Titan” venisse abbandonato.

Secondo il Wall Street Journal, comunque, la quantità di persone impiegata e l’importanza di alcuni membri del gruppo che sta lavorando al progetto indicano che Apple ha intenzione di portare a termine “Titan”. Secondo le fonti consultate dal WSJ, alcuni manager di Apple si sono incontrati in Austria con alcuni produttori di componenti per automobili. Inoltre nei mesi scorsi Apple ha assunto diversi designer con esperienza nel settore automobilistico: uno di loro è Marc Newson, che in passato ha lavorato anche per Ford. Apple non è l’unica grande società della Silicon Valley ad interessarsi alle automobili. Google ad esempio sta lavorando da anni a un prototipo di auto in grado di guidare da sola.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.