• Mondo
  • domenica 25 Gennaio 2015

Syriza ha vinto in Grecia

Il partito di Alexis Tsipras ha ottenuto il 36,3 per cento, mancando per due seggi la maggioranza assoluta in Parlamento: sarà alleato con i "Greci Indipendenti", di destra

Aggiornamento del 26 gennaio: Syriza ha trovato un accordo per la formazione del nuovo governo. Non avendo ottenuto per soli due seggi la maggioranza assoluta, il partito di Tsipras ha fatto un accordo (piuttosto prevedibile già dagli scorsi scorsi) con ANEL, il partito dei Greci indipendenti, che è di destra, è contro l’austerità ed è stato fondato nel 2012 da Panos Kammenos, ex di Nea Demokratia. I colloqui tra Tsipras e Kammenos sono durati meno di un’ora: il nuovo governo avrà dunque una maggioranza di 162 seggi (i 149 di Syriza e i 13 di ANEL).

Tsipras incontrerà in mattinata anche il leader del partito di centro To Potami e i rappresentanti del partito comunista KKE che comunque non dovrebbero partecipare formalmente alla futura coalizione. I Greci Indipendenti sono un partito di destra con una linea piuttosto dura contro l’immigrazione clandestina: con Syriza condividono sostanzialmente l’opposizione al piano di salvataggio internazionale della cosiddetta Troika – BCE, UE e FMI. Alexis Tsipras è atteso dal presidente della Repubblica alle 15:30 ora locale.

***

Syriza – il partito di sinistra radicale guidato da Alexis Tsipras – ha vinto le elezioni in Grecia. Con lo scrutinio praticamente concluso – 99,8 per cento dei seggi, 19.470 sezioni su 19.509 – Syriza è al 36,34 per cento dei voti alle elezioni per il parlamento greco e otterrà così 149 seggi, due in meno di quelli necessari per avere la maggioranza assoluta e poter governare da solo. Il partito di centrodestra Nea Demokratia – al governo fino a oggi – è al 27,81 per cento e otterrà 76 seggi. Antonis Samaras, primo ministro uscente e candidato di Nea Demokratia, nella serata di domenica ha chiamato Alexis Tsipras per congratularsi e ammettere la sconfitta. In una breve conferenza stampa Samaras ha rivendicato le scelte del suo governo ammettendo di aver commesso “alcuni errori“. Il partito neonazista Alba Dorata ha ottenuto il 6,28 per cento, diventando il terzo partito. Il nuovo partito To Potami al 6,05 per cento potrebbe essere decisivo per formare una maggioranza di governo con Syriza. La percentuale complessiva dei votanti è intorno al 63,9 per cento.

Parlando a una folla di sostenitori davanti all’università di Atene, Tsipras ha detto che la sua vittoria «è la vittoria di tutti i popoli europei che lottano contro l’austerità» e che «la Grecia sta voltando pagina». «Il mandato del popolo greco oggi cancella in modo inequivocabile i promemoria con la Troika, rendendola una cosa del passato. Oggi non ci sono vincitori e vinti; gli sconfitti sono gli oligarchi, le élite. La vittoria è di chi lavora duro e spera», ha detto Tsipras.

Nei giorni scorsi Syriza era dato in vantaggio da diversi sondaggi e analisti. Le elezioni di domenica erano molto attese in Europa, perché Tsipras ha annunciato di voler rinegoziare una serie di accordi con la Troika, il gruppo di creditori della Grecia formato da Commissione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario Internazionale, che in questi anni hanno prestato centinaia di miliardi di dollari alla Grecia per permetterle di evitare la bancarotta, in cambio di riforme politiche ed economiche. Tsipras ha promesso di rinegoziare questi accordi.

Il sistema elettorale greco – che è molto proporzionale – prevede l’assegnazione di un premio di maggioranza per il primo partito, consentendogli così di ottenere la maggioranza assoluta dei seggi con una percentuale di voti tra il 36 e il 40 per cento (dipende da che risultati ottengono gli altri partiti): Syriza ci è andata vicinissimo ma secondo gli analisti non dovrebbe faticare a trovare i due seggi che gli mancano in Parlamento. Il parlamento greco ha 300 seggi, quindi la maggioranza assoluta viene raggiunta con 151 seggi.

Nel suo primo tweet dopo l’annuncio dei primi exit poll, Syriza ha scritto: «La speranza ha vinto».