• Mondo
  • sabato 17 gennaio 2015

Le foto della messa del Papa nei luoghi del tifone Haiyan

Papa Francesco è rimasto per alcune ore a Tacloban, la città più colpita dal tifone Haiyan del 2013: ha celebrato una messa indossando una mantellina gialla anti-pioggia

Papa Francesco sta visitando in questi giorni le Filippine, dopo che settimana scorsa era stato in Sri Lanka. Questa mattina ha tenuto una messa a Tacloban, una città che si trova sull’isola di Leyte e che fu la più colpita dal tifone Haiyan (che all’inizio di novembre del 2013 causò la morte di 7300 persone e distrusse 1,1 milioni di case). Il Papa ha tenuto una messa di massa all’aperto in un’area vicino all’aeroporto della città, scusandosi in anticipo per poter restare quattro ore meno del previsto per via di un temporale previsto nelle ore successive (ma promettendo di tornare sull’isola a temporale concluso).

Circolano diverse stime sul numero di partecipanti alla messa: per la polizia ce n’erano 150mila all’interno dell’area dove si è tenuta la messa, e altre decine di migliaia appena fuori (il sindaco di Tacloban ha parlato di un milione di persone, in tutto). Gli organizzatori hanno detto di aver distribuito circa un milione di mantelline di plastica per ripararsi dalla pioggia (anche il Papa ha celebrato con una mantellina gialla. Durante l’omelia, il Papa ha ammesso di «non sapere cosa dire», precisando che «molti di voi hanno perso dei membri della vostra famiglia, quindi rimango in silenzio e cammino assieme a voi con il mio cuore in silenzio». Domani, il papa terrà invece una messa a Manila, la capitale delle Filippine, per la quale sono previsti sei milioni di partecipanti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.