Il doodle di Natale, per augurare buone feste

È un racconto animato di viaggi natalizi, che rimanda a un video di YouTube

Google riprende anche quest’anno una lunga tradizione di doodle natalizi, usati per augurare buone feste: il doodle era stato anticipato nei giorni scorsi da animazioni di slitte nello stesso stile grafico. Nel doodle del 25 dicembre c’è l’immagine di un portone addobbato che introduce a un video di YouTube dedicato ai viaggi di Natale.

Da molti anni Google realizza doodle (i disegni che rimpiazzano il logo) che compaiono sulla pagina del motore di ricerca per tutti i giorni del periodo delle feste intorno a Natale: lo ha fatto anche nel 2014, usando “Buone feste” come una formula piuttosto generica che evita ogni riferimento religioso al periodo festivo. Già da alcuni anni si discute molto del progressivo spostamento dell’augurio tradizionale di “Buon Natale” verso il più neutro “Buone Feste”, capace di raggiungere tutti al di là di diverse culture e religioni.

I doodle di “Buone feste” dei giorni di Natale sono una tradizione di Google da molti anni: nel 2013 ci fu una collezione di diversi disegni naif, e nel 2012 un gruppo di giocattoli in due puntate successive (per molti anni le “puntate” successive nei vari giorni festivi erano state fino a cinque). Tutti i doodle festivi hanno sempre avuto un’identità più legata ai giochi e alla stagione fredda, che alle tradizioni. Nel 2014, il doodle sulle “Buone feste” è un’immagine graficamente più infantile di quelle del 2013.

Il primo doodle delle feste di Google del 2014
– Il secondo doodle delle feste di Google del 2014

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.