Sunday Post

Un'app per farsi svegliare dagli sconosciuti e molte liste delle cose-migliori-del-2014, tra gli articoli più letti sul Post questa settimana

Tra le cose più lette sul Post questa settimana c’è una nuova app che è un’alternativa alla classica sveglia: in pratica la app funziona sull’idea un po’ matta che da qualche parte nel mondo ci sarà sempre qualcuno disposto a telefonare a qualcun altro per svegliarlo e dargli il buongiorno. Visto che siamo vicini alla fine dell’anno, è tempo di classifiche e liste delle cose-migliori-del-2014: ci sono i 10 migliori film secondo i Cahiers du Cinéma (è una classifica molto francese, siete avvisati: se volete qualcosa di più “commerciale” ce n’è anche una del New York Times), le migliori serie TV e anche le canzoni più ascoltate su Spotify. La storia della settimana riguarda invece il guaio che ha combinato Greenpeace in Perù, sulle Linee di Nazca: gli attivisti si sono scusati, ma il danno ormai è fatto.

L’app per farsi svegliare dagli sconosciuti
Come funziona Wakie, nata da un’idea un po’ matta per avere un’alternativa alla classica sveglia

I 10 migliori film del 2014 secondo i Cahiers du Cinéma
La classifica annuale della celebre rivista di critica cinematografica francese (e si vede)

Cosa cambia con il Jobs Act
Chi riguarda, cos’è il contratto a tutele crescenti e come funzioneranno i licenziamenti: le cose che si sanno con certezza, in attesa dei decreti attuativi

Il tredicesimo segno zodiacale
Si chiama Ofiuco, ma non viene preso in considerazione dagli astrologi che usano ancora le mappe del cielo dei babilonesi

Le migliori serie tv del 2014
Scelte come ogni anno dall’American Film Institute: quest’anno ci sono pochissime sitcom e poche serie “storiche”

10 storie dal rapporto sulle torture della CIA
Una peggiore dell’altra, raccontate dal Washington Post sulla base del rapporto diffuso dal Senato americano

Il Perù dice che Greenpeace ha fatto un guaio
Gli attivisti sono entrati alle Linee di Nazca per esporre uno slogan; secondo il governo hanno danneggiato gravemente un posto considerato patrimonio dell’umanità

La morte di Mango
Ha avuto un infarto alla fine di un concerto in provincia di Matera: aveva 60 anni ed era conosciuto soprattutto per le canzoni “Oro” e “Bella d’estate”

Gap ha sbagliato campagna pubblicitaria?
Da alcuni mesi il noto marchio di abbigliamento invita a vestirsi in maniera “normale”, contrariamente alle consuete campagne del settore: ma non sta funzionando

Lo sfogo di Martin Castrogiovanni
Uno dei più famosi giocatori italiani di rugby rischia una squalifica per via di alcune cose – ricche di parolacce – che ha detto dopo una partita contro la sua ex squadra

Dai blog:
Il leggendario illustratore del sesso su Wikipedia, di Giulia Balducci
A non meravigliarsi più di niente, di Massimo Mantellini
Un diario sul tennis – 1, di Francesco Costa