• Italia
  • martedì 25 novembre 2014

Un’altra sentenza su autismo e vaccini

Un giudice ha condannato il ministero della Salute a mantenere a vita un bambino autistico, ritenendo che la malattia fu "probabilmente" causata dal vaccino esavalente

Il tribunale del lavoro di Milano ha stabilito che un bambino affetto da autismo dovrà essere mantenuto a vita con un assegno bimestrale pagato dal ministero della Salute, che ha presentato appello contro questa decisione tramite l’Avvocatura Distrettuale dello Stato. La notizia del provvedimento è stata diffusa sull’edizione di martedì di Repubblica con un articolo secondo cui, tra le altre cose, il ministero della Salute non avrebbe fatto ricorso: il ministero stesso ha smentito con un comunicato e ha confermato di aver presentato appello.

Al bambino nel 2006 era stato iniettato il vaccino esavalente: il magistrato che si è occupato del caso ha reputato che sia stata “acclarata la sussistenza del nesso causale tra tale vaccinazione e la malattia”. La decisione del giudice sta facendo molto discutere sia in ambiente giuridico sia in ambito accademico, perché fino a oggi nessuna ricerca scientifica ha mai dimostrato una correlazione tra vaccinazioni e autismo. Il tema è discusso da anni e considerata l’assenza di prove è ormai considerato una leggenda metropolitana: molte delle convinzioni errate sull’argomento da parte dell’opinione pubblica derivano da uno studio scientifico pubblicato nel 1998 sulla vaccinazione trivalente, poi ritirato perché scorretto e fraudolento.

Vaccino esavalente
Il caso del bambino su cui si è espresso il tribunale di Milano e su cui ha fatto appello il ministero della Salute riguarda il vaccino esavalente, che viene somministrato con tre distinte iniezioni nel primo anno di vita per dare protezione contro difterite, epatite B, infezioni da Haemophilus Influenzae di tipo b (HIB), pertosse, poliomielite, tetano e contro le loro complicazioni. È il vaccino più utilizzato per proteggere i bambini in Italia ed è un preparato creato appositamente per la somministrazione nella prima infanzia: induce il sistema immunitario a creare autonomamente le difese contro i virus in modo che in caso di infezione non possano proliferare causando la malattia.

La decisione
I genitori avevano presentato nel 2011 una domanda di indennizzo al ministero della Salute, dopo che nel 2010 era stata formulata la diagnosi di autismo sul bambino. Il ministero aveva respinto la richiesta perché mancavano le basi per potere accedere al risarcimento, cosa che spinse la coppia di genitori a fare causa. La decisione del tribunale del lavoro di Milano è stata comunicata il 23 settembre scorso, e secondo l’avvocato dei genitori il ministero della Salute non aveva ritenuto di fare ricorso in appello, facendo passare in giudicato la sentenza. Il ministero ha invece fatto ricorso presso la Corte d’Appello di Milano e quindi per ora non dovrà pagare l’indennizzo, che da decisione del giudice dovrebbe essere costituito da un assegno bimestrale da almeno 1.600 euro.

La decisione del giudice è motivata in una ventina di pagine, nelle quali sono riportate e accolte le considerazioni di una perizia del medico legale nominato dal tribunale. Vi si legge che “è probabile che il disturbo autistico del piccolo sia stato concausato, sulla base di un polimorfismo che lo ha reso suscettibile alla tossicità di uno o più ingredienti (o inquinanti), dal vaccino Infanrix Hexa” prodotto dall’azienda farmaceutica GlaxoSmithKline (GSK). Il riferimento è a un documento riservato della società sugli effetti collaterali del vaccino esavalente che secondo il perito sarebbero emersi durante la sperimentazione, prima della messa in vendita del prodotto, e “omessi dall’elenco degli effetti avversi sottoposto alle autorità sanitarie”.

Mercurio
Il giudice in altri passaggi della decisione cita il medico legale scrivendo che nel vaccino sarebbe rilevabile “una specifica idoneità lesiva per il disturbo autistico” sottostimata e dovuta all’esistenza “di lotti del vaccino contenente un disinfettante a base di mercurio, oggi ufficialmente bandito per via della comprovata neurotossicità”. A oggi non esistono però ricerche scientifiche che abbiano dimostrato una correlazione tra la presenza di mercurio e lo sviluppo di malattie come l’autismo. Negli Stati Uniti era stato sollevato il problema anni fa, perché c’era il timore che facendo in contemporanea sei vaccinazioni in una volta sola i bambini potessero essere esposti a quantità di mercurio superiori alle soglie di cautela. Non fu mai dimostrato un danno dovuto alla somministrazione ma per ulteriore cautela in seguito furono elaborati sistemi per ridurre o rimuovere del tutto le già basse dosi di mercurio presenti.

Milioni di dosi di vaccino esavalente sono somministrate ogni anno ai nuovi nati in buona parte dei paesi occidentali, un campione enorme della popolazione, e non sono mai stati rilevati aumenti anomali di patologie legate al mercurio. Buona parte delle cause dell’autismo continuano a essere sconosciute e, complice lo studio sbagliato del 1998, ancora oggi in molti sono convinti che i vaccini siano la causa principale.

Lo studio fraudolento del 1998
La ricerca pubblicata nel 1998 si occupò del vaccino trivalente (MPR, morbillo, parotite, rosolia) e non dell’esavalente oggetto della decisione del giudice di Milano. L’allora medico Andrew Wakefield pubblicò su The Lancet, una delle più importanti riviste mediche al mondo, uno studio in cui si dava conto di 12 bambini che avrebbero sviluppato marcati disturbi del comportamento in seguito alla somministrazione del vaccino MPR. Wakefield sosteneva che i vaccini portassero ad alcuni problemi intestinali che potevano essere la causa di uno scorretto sviluppo neurologico durante la crescita dei bambini.

La ricerca fece discutere, ma in seguito si scoprì che Wakefield aveva ricevuto 55mila sterline da un gruppo di persone alla ricerca di prove per dimostrare la presunta dannosità del vaccino MPR. The Lancet si scusò e nel 2010 ritirò completamente e integralmente lo studio, una cosa con pochi precedenti. Altre inchieste dimostrarono che Wakefield aveva omesso e distorto alcuni dati per sostenere meglio la sua tesi sull’autismo: fu radiato e gli fu vietato di proseguire la professione medica.

Precedenti
La decisione del tribunale di Milano sul vaccino esavalente ha comunque qualche precedente. Nel luglio del 2013 il tribunale di Pesaro riconobbe colpevole in primo grado il ministero della Salute per la morte di una bambina di sei mesi nel febbraio del 2003. Per quanto riguarda il vaccino trivalente, invece, nel marzo del 2012 il ministero della Salute fu condannato dal tribunale di Rimini a risarcire una coppia di genitori che avevano fatto causa sostenendo che il loro figlio fosse diventato autistico in seguito alla vaccinazione MPR. La sentenza era in parte basata proprio sullo studio di Wakefield del 1998 e anche per questo motivo il ministero fece ricorso in appello.

Vaccinazioni obbligatorie
In Italia le uniche vaccinazioni obbligatorie per legge sono quelle contro la difterite, il tetano, la poliomielite e l’epatite virale di tipo B. Non esistono obblighi per altri tipi di vaccino perché negli anni l’approccio è cambiato: da obbligo si è passati a parlare di “diritto di ciascun bambino di essere protetto dalle malattie prevenibili mediante vaccino”. Alla base di questa impostazione c’è il diritto per il paziente di decidere se adottare o meno una terapia in autonomia dopo la consultazione con i medici. Chi decide di non procedere con la vaccinazione si assume però la responsabilità (anche giuridica) nei confronti delle persone che potrebbero essere contagiate.

Mostra commenti ( )