Il grafico che mostra come Apple oggi vale più dell’intera borsa russa

E non di poco, circa 120 miliardi in più: c'entrano le sanzioni, la pessima situazione economica del paese e il fatto che Apple vale proprio tanto

Alla chiusura del G20 di Brisbane, in Australia, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha detto che le sanzioni internazionali stanno avendo un effetto “devastante” sull’economia russa. Questa settimana, l’agenzia di stampa Bloomberg ha pubblicato un grafico che sembra confermare le parole di Obama. Negli ultimi mesi la borsa russa ha perso così tanto valore che oggi vale meno di Apple.

 

Questo significa che se qualcuno vendesse tutte le azioni di Apple al prezzo attuale, potrebbe comprarsi tutte le aziende quotate alla borsa russa e, come scrive Bloomberg: «avere ancora abbastanza soldi da potersi permettere di regalare un iPhone 6 Plus ad ogni singolo cittadino russo». Apple, infatti, vale al momento circa 652 miliardi di dollari (il prezzo di una sua azione in borsa moltiplicato per tutte le azioni Apple in circolazione), mentre l’intera borsa di Mosca ne vale 531. Questa situazione è in parte dovuta ai grossi aumenti in borsa di Apple e al crollo delle azioni russe.

A sua volta, il crollo delle azioni russe è in parte imputabile alle sanzioni internazionali e alla paura degli investitori che queste possano in futuro diventare ancora più dure. Ci sono però anche altri fattori in ballo, tra cui il crollo del prezzo del petrolio, che ha danneggiato molto l’economia russa che si regge in sostanza soltanto sulle esportazioni di materie prime energetiche (l’economia russa ha poi diversi problemi strutturali molto difficili da risolvere). La borsa russa, comunque, non è l’unica a trovarsi in una situazione del genere. Attualmente anche la borsa di Milano – tradizionalmente una borsa molto piccola – vale meno di Apple: circa 620 miliardi di dollari (o 496 miliardi di euro) contro 652.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.