• Mondo
  • domenica 2 novembre 2014

I paesi dell’UE con più parlamentari donne

Il primo è la Svezia, dove le donne sono il 43,6 per cento del totale: l'Italia se la cava piuttosto bene, l'ultima è l'Ungheria

Il Guardian ha messo insieme una classifica della percentuale delle parlamentari donne nei vari paesi dell’Unione Europea, sul numero totale dei parlamentari di ciascuna nazione. Il paese europeo che ha più donne in parlamento è la Svezia: nella Riksdag, la camera unica composta da 349 membri, il 43,6 per cento sono donne. Lo Országgyűlés invece – la camera unica dell’Ungheria, di cui fanno parte 199 parlamentari – è quella con meno donne in assoluto: sono 20, e rappresentano il 10,1 per cento del totale dei parlamentari. L’Italia si trova nella parte alta della classifica: il 31,4 per cento dei parlamentari è donna. In generale, nei paesi dell’Unione Europea le donne sono mediamente il 26,9 per cento del totale dei membri della camera più bassa.

– (La disuguaglianza di genere nel mondo)

Altri importanti paesi fuori dall’Unione Europea hanno percentuali in linea con i paesi della parte bassa della classifica. Negli Stati Uniti le donne parlamentari sono il 18,3 per cento, in Israele il 22,5 e in Giappone l’8,1 per cento.

1) Svezia 43,6%
2) Finlandia 42,5%
3) Spagna 39,7%
4) Belgio 39,3%
5) Danimarca 39,1%
6) Paesi Bassi 38,7%
7) Germania 36,5%
8) Slovenia 35,6%
9) Austria 32,2%
10) Italia 31,4%
11) Portogallo 31,3%
12) Lussemburgo 28,3%
13) Francia 26,2%
14) Lettonia 25%
15) Bulgaria 24,6%
16) Polonia 24,3%
17) Lituania 24,1%
18) Croazia 23,8%
19) Regno Unito 22,6%
20) Grecia 21%
21) Repubblica Ceca 19,5%
22) Estonia 19%
23) Slovacchia 18,7%
24) Irlanda 15,7%
25) Malta 14,3%
26) Romania 13,5%
27) Cipro 12,5%
28) Ungheria 10,1%

nella foto: il parlamento svedese, 3 ottobre 2014 (AP Photo/Janerik Henriksson)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.