• Mondo
  • lunedì 20 Ottobre 2014

La vita di un autista di ambulanze in Liberia

Un video del New York Times racconta cosa succede a Monrovia durante l'epidemia di ebola, dal punto di vista di un operatore sanitario

Il New York Times ha pubblicato un video che racconta la vita di Gordon Kamara, autista di ambulanze in Liberia. Kamara lavora a Monrovia, dove le ambulanze in servizio sono quindici per una popolazione di un milione e mezzo di abitanti. I centri di cura per ebola sono solo tre in tutta la città e il numero di letti a disposizione è molto limitato. Racconta Kamara che spesso gli capita di dover riportare un malato a casa sua perché i centri di cura non possono accettarlo per via del sovraffollamento.

L’ambulanza di Kamara si occupa anche dei corpi dei morti, che vengono portati fuori dalle abitazioni dai parenti e spesso restano in strada per ore, in attesa degli operatori sanitari che li rimuovano.
Kamara da qualche mese per precauzione non vive più con la sua famiglia, e si dice molto preoccupato perché le risorse per far fronte all’epidemia in Liberia sono insufficienti. Il mini-documentario del New York Times dura otto minuti e vale la pena vederlo.