• Mondo
  • lunedì 6 ottobre 2014

Le proteste di Hong Kong si assopiscono

Almeno nelle ultime ore: le prime trattative con le autorità governative e la stanchezza hanno ridotto il numero di manifestanti in strada, e affievolito le tensioni

Centinaia di manifestanti hanno dormito per le strade del centro di Hong Kong nella notte tra domenica 5 e lunedì 6 ottobre, a oltre una settimana dall’inizio delle proteste contro il governo centrale cinese, accusato di non volere concedere libere elezioni nella regione speciale. Le strade e le piazze sono rimaste occupate nonostante l’amministrazione locale di Hong Kong abbia più volte minacciato sgomberi da parte della polizia, che non sono però stati finora avviati.

Il numero di persone davanti ai palazzi governativi è comunque diminuito sensibilmente: il corrispondente di BBC da Hong Kong parla di poche centinaia di persone, a fronte delle decine di migliaia di manifestanti della settimana scorsa. Diversi manifestanti hanno smantellato le barricate che avevano costruito nei giorni scorsi. Molti sono esausti dopo una settimana di presidi con notti passate a dormire sull’asfalto. Sono stati gli stessi organizzatori delle proteste a invitare a ridurre le presenze e a rimuovere diversi blocchi in città, ricordando che da alcuni giorni sono stati avviati colloqui con le autorità locali per provare a sbloccare la situazione. Il movimento non ha comunque un grande coordinamento e non è quindi semplice avere una linea comune per organizzare le proteste.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.