• Mondo
  • mercoledì 24 settembre 2014

Il discorso di Barack Obama all’ONU

Il testo dell'intervento in cui il presidente degli Stati Uniti ha chiesto all'Islam di rigettare una volta per tutte l'estremismo islamico

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha rivolto oggi un discorso all’assemblea generale delle Nazioni Unite, riunita a New York. Nella parte iniziale del suo discorso – il testo integrale in inglese è qui – Obama ha affrontato molte questioni, dall’Ucraina all’ebola al riscaldamento globale, ma la parte centrale dell’intervento è stata la più ripresa e citata dalla stampa internazionale: Obama ha parlato dell’IS, rivolgendosi esplicitamente all’Islam e alle comunità musulmane e chiedendo loro di rigettare l’estremismo islamico. Di seguito, la traduzione italiana della parte più importante e discussa dell’intervento di Obama.

Problema dopo problema, ci rendiamo conto che non possiamo più basarci su regole scritte in un altro secolo. Se alziamo gli occhi e guardiamo oltre i nostri confini, se pensiamo globalmente e agiamo insieme, possiamo cambiare il corso di questo secolo nello stesso modo in cui i nostri predecessori riuscirono a cambiare il corso del secondo dopoguerra. Ma se guardiamo al futuro, c’è un problema che rischia di innescare un ciclo di conflitti che potrebbe far deragliare questo processo: e questo è il violento cancro dell’estremismo che ha devastato così tante parti del mondo islamico.

Naturalmente il terrorismo non è una cosa nuova. Parlando davanti a questa assemblea, il presidente Kennedy spiegò con chiarezza la questione: “Il terrore non è un’arma nuova”, disse. “Nel corso della storia è stata usata da coloro che non avevano possibilità di vincere usando la persuasione o mostrando delle alternative”. Nel Ventesimo secolo, il terrore è stato usato da gruppi diversi che non sono riusciti a ottenere il potere grazie al consenso. Ma in questo secolo ci siamo confrontati con una nuova e più letale ideologia di terrorismo, che ha dirottato una delle più grandi religioni del mondo. Grazie all’accesso a tecnologie che permettono a un piccolo gruppo di persone di causare grandi danni, queste persone hanno abbracciato un’ideologia macabra che vorrebbe dividere il mondo in fedeli e infedeli, uccidendo quanti più innocenti civili possibile e utilizzando i metodi più brutali per intimidire le persone delle loro stesse comunità.

Ho detto chiaramente che l’America non baserà tutta la sua politica estera sulla lotta al terrorismo. Piuttosto abbiamo portato avanti una campagna mirata contro al Qaida e le forze sue alleate, uccidendo i suoi leader e negandogli i rifugi sicuri su cui facevano affidamento. Allo stesso tempo abbiamo riaffermato che gli Stati Uniti non sono e non saranno mai in guerra contro l’Islam. L’Islam insegna la pace. I musulmani di tutto il mondo aspirano a vivere con dignità e giustizia. E se parliamo dell’Islam e dell’America non esiste un “noi” e un “loro”: ci siamo solo “noi”, perché milioni di musulmani americani sono parte del tessuto del nostro paese.

Quindi noi rifiutiamo ogni accenno a uno scontro tra civiltà. La fede in una costante guerra religiosa è la distorta motivazione degli estremisti che non sono in grado di costruire o creare niente e quindi diffondono solo fanatismo e odio. E non è un’esagerazione dire che il futuro dell’umanità dipende da noi e dalla nostra capacità di essere uniti di fronte a quelli che ci vorrebbero divisi lungo inesistenti linee di sette o tribù, razza o religione.

Non è solo una questione di parole. Siamo tenuti a occuparci tutti insieme del pericolo posto dai fanatici religiosi e dai fattori di contesto che ne potenziano il reclutamento. In più, questa nuova campagna contro l’estremismo va oltre i confini della mera sicurezza nazionale. Mentre eravamo impegnati a delegittimare al Qaida e a favorire una transizione verso un Afghanistan governato democraticamente, l’ideologia estremista si è spostata altrove: principalmente nel Medio Oriente e nell’Africa del nord, dove un quarto dei giovani non ha lavoro, dove cibo e acqua vengono reperiti con difficoltà, la corruzione è molto diffusa e i conflitti interni sono diventati sempre più difficili da contenere.

In quanto comunità internazionale, dobbiamo accogliere questa sfida concentrandoci attorno a quattro punti. Per prima cosa dobbiamo colpire l’organizzazione terroristica nota come ISIL, e in ultima istanza distruggerla.

L’ISIL ha atterrito chiunque abbia incrociato sulla propria strada in Iraq e Siria. Lo stupro su madri, figlie e sorelle è stato usato come un’arma di guerra. Bambini innocenti sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco. Corpi di persone morte sono stati gettati in fosse comuni. Minoranze religiose sono state affamate a morte. Nel più cruento dei crimini di guerra immaginabili, alcuni esseri umani sono stati decapitati, e la loro esecuzione è stata registrata in video la cui atrocità ha scosso la coscienza del mondo.

Nessun Dio perdona questo orrore. Nessuna causa giustifica questo tipo di azioni. Non può esserci nessun ragionamento – e nessuna negoziazione – con persone dotate di tale malvagità. L’unica lingua che queste persone comprendono è quella della forza. Per questo, gli Stati Uniti lavoreranno assieme a un’estesa coalizione di stati per smantellare questa rete di morte.

Non siamo i soli, in questa impresa. Né intendiamo mandare soldati statunitensi ad occupare un territorio straniero. Invece, sosterremo i cittadini iracheni e siriani che combattono per avere indietro le proprie comunità. Useremo la nostra potenza militare all’interno di una campagna di bombardamento per costringere l’ISIL ad arretrare. Addestreremo ed equipaggeremo gli eserciti che combattono questi terroristi sul posto. Lavoreremo per impedirgli di sostenersi economicamente, e per interrompere il flusso di soldati che si uniscono a loro o si allontanano da quei territori. Al momento, più di quaranta paesi si sono offerti di entrare in questa coalizione. Oggi chiedo al resto del mondo di aggregarsi a noi in questo sforzo. Quelli che si sono aggregati all’ISIL dovrebbero lasciare il campo di battaglia, adesso che ne hanno ancora la possibilità. Quelli che continuano a combattere per una causa d’odio scopriranno di essere sempre più soli. Questo perché noi non cederemo alle minacce: dimostreremo anzi che il futuro appartiene a quelli che costruiscono, e non a coloro che distruggono.

Secondo: è tempo che il mondo – e specialmente le comunità musulmane – rigettino esplicitamente e con forza l’ideologia di al Qaida e dell’ISIL.

È compito di tutte le grandi religioni del mondo conciliare una fede devota all’interno di un mondo moderno e multiculturale. Nessun bambino – in nessuna parte del mondo – deve essere educato ad odiare altre persone. Non dovrebbe esserci alcuna tolleranza di quei cosiddetti religiosi che spingono la gente a fare del male a delle persone innocenti solo perché sono ebree, cristiane o musulmane. È tempo per un nuovo patto fra le persone civilizzate di questo mondo per sradicare la guerra alla sua origine più profonda: la corruzione di giovani menti da parte di ideologie violente.

Questo vuol dire bloccare i fattori che alimentano questo odio. È tempo di abbandonare l’ipocrisia di quelli che accumulano benessere attraverso l’economia globalizzata, e poi riversano quei fondi a coloro che insegnano ai bambini a odiarla. Questo vuol dire reclamare lo spazio che occupano i terroristi – incluso Internet e i social network. La loro propaganda ha costretto ragazzi a fuggire dalla propria nazione per scappare a una guerra, e ha trasformato degli studenti in attentatori suicidi. Dobbiamo offrire un’opportunità alternativa. Questo vuol dire radunare assieme persone con credenze diverse. Tutte le religioni sono state attaccate al proprio interno dai fondamentalisti, a un certo punto della propria storia: e tutte le persone di fede hanno la responsabilità di attenersi al valore comune di tutte le religioni: tratta il prossimo come te stesso.

L’ideologia dell’ISIL – come quelle di al Qaida o di Boko Haram – perderà forza e morirà se sarà costantemente avversata e rifiutata alla luce del sole. Guardate al nuovo Forum for Promoting Peace in Muslim Societies, dove il primo presidente della Mauritania Sheikh bin Bayyah ha descritto così i suoi obiettivi: «Dobbiamo dichiarare guerra alla guerra, cosicché il risultato sarà la pace sopra la pace». Guardate ai giovani musulmani britannici, che hanno risposto alla propaganda dei terroristi cominciando la compagna “notinmyname”, dicendo che l’IS si sta nascondendo dietro un falso Islam. Guardate ai leader cristiani e musulmani, che arrivano nella Repubblica Centrafricana e rifiutano la violenza. Ascoltate l’imam che dice: “La politica prova a dividere le religioni nel nostro paese, ma la religione non dovrebbe essere una causa di odio, guerra o conflitto”.

Più tardi il Consiglio di Sicurezza adotterà una risoluzione per sottolineare la responsabilità degli stati nel combattere l’estremismo violento. Ma le risoluzioni devono essere seguite da impegni concreti, perché siamo noi i responsabili quando non ci dimostriamo all’altezza. Il prossimo anno dovremmo essere tutti preparati ad annunciare i passi concreti che avremo adottato per contrastare le ideologie estremiste, eliminare l’intolleranza dalle scuole, bloccare la diffusione della radicalizzazione e promuovere istituzioni e programmi che costruiscano nuovi ponti per la comprensione.

Terzo, dobbiamo agire su quel ciclo di conflitti – specialmente i conflitti settari – che creano le condizioni ai terroristi di emergere. Non è una cosa nuova, la guerra all’interno delle religioni. I cristiani sono andati avanti secoli a combattere conflitti settari. Oggi è la violenza all’interno delle comunità musulmane, che è diventata una fonte di grande miseria umana. È arrivato il tempo di riconoscere la distruzione provocata dalle “guerre per procura” e dalle campagne di terrore tra sunniti e sciiti nel Medio Oriente. Ed è tempo che i leader politici, civili e religiosi rifiutino i conflitti settari. Lasciatemi essere chiaro: questa è una battaglia in cui nessuno sta vincendo. La brutale guerra civile in Siria ha già ucciso circa 200mila persone e fatto milioni di profughi. L’Iraq è arrivato pericolosamente vicino a tornare indietro negli abissi. La guerra ha creato un terreno fertile per il reclutamento dei terroristi che inevitabilmente esportano questa violenza.

Oggi vediamo dei segni per cui questa tendenza possa essere ribaltata: un nuovo e inclusivo governo a Baghdad; un nuovo primo ministro accolto positivamente dai vicini dell’Iraq; le fazioni libanesi che ricacciano indietro coloro che vogliono cercare di provocare una guerra. Questi passi devono essere seguiti da una tregua più ampia. Da nessun’altra parte è più necessario che in Siria. Insieme ai nostri alleati, stiamo addestrando ed equipaggiando l’opposizione siriana in modo che diventi un contrappeso ai terroristi dell’ISIL e alla brutalità del regime di Assad. Ma la sola soluzione duratura alla guerra civile siriana è di tipo politico: una transizione politica inclusiva che risponda alle legittime aspirazioni di tutti i cittadini siriani, al di là dell’etnia e del credo religioso.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.