• Media
  • lunedì 21 Luglio 2014

Sky News e i bagagli del volo MH17

La tv britannica si è scusata dopo che un suo giornalista aveva raccolto e mostrato in diretta il contenuto della valigia di uno dei passeggeri morti: ma la deriva è preoccupante

La rete televisiva di news britannica Sky News ha chiesto scusa ai suoi spettatori dopo che domenica era andato in onda un collegamento con l’area in cui è stato abbattuto l’aereo Malaysia Airlines MH17 – 298 persone sono morte precipitando sul territorio ucraino occupato dai combattenti filo-russi – durante il quale il suo giornalista Colin Brazier aveva estratto alcuni oggetti da una valigia aperta per mostrarli alla telecamera, prima di smettere dicendo “Non dovremmo fare questa cosa”.

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali

La totale indiscrezione di cui sono stati oggetto corpi e materiali precipitati dal cielo è stata palese da subito dopo l’incidente. Oltre a complicare le indagini e il recupero dei corpi, ha colpito in molti casi telespettatori e lettori da subito, quando la tv russa Life News ha trasmesso una precocissima diretta durante la quale oggetti e resti venivano raccolti, mostrati e spostati, per esempio accatastando insieme un gran numero di passaporti da raccogliere in un’immagine per le telecamere.

Molti spettatori della diretta di Sky News hanno protestato con la rete e sui social media, e diversi colleghi di Brazier hanno criticato quello che stava andando in onda: un portavoce della rete ha annunciato successivamente che “Colin ha immediatamente riconosciuto che il suo comportamento fosse inadeguato e lo ha detto in diretta. Sia Colin che Sky News si scusano estesamente.”