Brasile-Croazia 3-1

Il Brasile ha battuto la Croazia nella prima partita dei Mondiali di calcio, valida per il girone A e giocata all’Arena di San Paolo. Non è stata una partita particolarmente bella ma il risultato è stato incerto fino alla fine e il suo inizio è stato piuttosto clamoroso: il primo gol dei Mondiali lo ha segnato il Brasile, infatti, ma nella porta sbagliata. Un autogol di Marcelo ha mandato in vantaggio la Croazia nel primo tempo, ma pochi minuti dopo il Brasile ha pareggiato con un tiro da fuori area di Neymar.

Nel secondo tempo ha segnato di nuovo Neymar, su rigore assegnato in modo piuttosto controverso (il fallo su Fred molto probabilmente non c’era). Quando la Croazia aveva preso ad attaccare e cercare di pareggiare, il Brasile ha segnato in contropiede il terzo gol con Oscar. Il Brasile non ha giocato particolarmente meglio della Croazia: dopo la sfortuna dell’autogol ha ripreso la partita per i capelli soprattutto grazie a Neymar e a una contestata decisione dell’arbitro. Ma intanto la prima è andata. Domani giocheranno le altre due squadre del girone A, Messico e Camerun.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:54

È finita: il Brasile ha vinto 3-1 la prima partita dei Mondiali contro la Croazia.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:53

Francesco Costa 12 Giugno 201423:51

In questa foto si vede Perisic con degli strani cerotti colorati sul ginocchio. Si chiamano kinesio-taping, sono quelli che aveva Balotelli sulla schiena due anni fa.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:50

E un attimo dopo, terzo gol del Brasile: Oscar. 3-1. Ha tirato di punta, come si vede raramente.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:50

Intanto una bella parata di Julio Cesar impedisce alla Croazia di pareggiare.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:49

Al vostro amico complottista che dopo il rigore di Neymar ha citato la FIFA, Blatter, la Trilaterale e i Bilderberg, potete segnalare che l’arbitro della partita – Yuichi Nishimura, giapponese – ha arbitrato ai Mondiali del 2010 la partita in cui l’Olanda ha eliminato il Brasile.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:48

Esce Neymar, un attaccante; entra Ramires, un centrocampista: il Brasile si copre.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:45

Francesco Costa 12 Giugno 201423:44

Chissà cosa staranno facendo nel frattempo gli abitanti di Manaus.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:44

Intanto una notizia sull’Italia: Mattia De Sciglio salterà la partita contro l’Inghilterra per una contrattura al polpaccio. Se Prandelli vorrà sostituirlo, dovrà farlo entro mezzanotte (ma la mezzanotte brasiliana: ora lì sono le 18:44).

Francesco Costa 12 Giugno 201423:43

Intanto la Croazia per poco non faceva gol, ma un calciatore della Croazia ha fatto fallo su Julio Cesar quindi niente.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:40

Possesso di palla fin qui: Brasile 61%, Croazia 39%.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:37

Qui si vede anche il fallo su Fred per cui è stato assegnato il rigore.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:36

Per poco il Brasile non segnava di nuovo con un colpo di testa in tuffo di David Luiz, servito da un cross di Oscar (che aveva saltato benissimo un giocatore croato).

Francesco Costa 12 Giugno 201423:35

Francesco Costa 12 Giugno 201423:34

Il rigore di Neymar.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:30

Gol di Neymar, Brasile 2 – Croazia 1. Neymar ha rischiato grosso: ha cambiato punto di partenza della rincorsa all’ultimo istante e ha tirato male: il portiere ha intercettato il pallone ma non è riuscito a evitare che entrasse. Quindi gol, che poi è l’unica cosa che conta.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:28

Rigore per il Brasile. Possiamo dirlo: inesistente. Lo dice anche Simon Le Bon. Aspettatevi polemiche e discussioni.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:28

Nuovo cambio del Brasile: esce Hulk, entra Bernard. Bernard ha 21 anni ed è un attaccante dello Shakhtar Donetsk. Hulk ha giocato così così, un po’ come il resto dei suoi compagni.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:25

Hernanes gioca nell’Inter da gennaio, prima giocava nella Lazio: è un centrocampista offensivo, gioca un po’ più indietro di un trequartista classico. Non viene da una gran stagione ma è bravo.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:22

Primo cambio della partita e del torneo: il Brasile fa uscire Paulinho e fa entrare Hernanes. Tradotto: il Brasile ora è più sbilanciato in attacco.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:20

Intanto a Berlino ci sono dei matti – matti in senso positivo – che hanno portato un divano allo stadio e stanno guardando la partita da lì. 

Francesco Costa 12 Giugno 201423:18

Una cosa però la possiamo dire, prendendoci qualche responsabilità: il Brasile, fin qui, poca roba.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:15

Dopo dieci minuti di secondo tempo è successo poco, ma non si può dire che sia una partita noiosa: c’è una certa tensione, ecco, e siccome nessuna delle due squadre sembra avere una difesa impenetrabile si percepisce sempre la possibilità che qualcosa possa accadere.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:12

Ma ve lo ricordate chi segnò il primo gol ai Mondiali del 2010? Uno con un cognome bellissimo: Tshabalala. E anche il gol fu bellissimo.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:09

Tra il pubblico c’è anche Kaka. 

Francesco Costa 12 Giugno 201423:05

Intanto è iniziato il secondo tempo di Brasile-Croazia.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:05

Statistica interessante: il Brasile nel primo tempo ha fatto un solo fallo, quello che ha provocato l’ammonizione di Neymar.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:03

Altro modo per ammazzare il tempo intanto che la partita non ricomincia: meglio la maglia del Brasile o quella della Croazia? S’apra il dibattito.

Francesco Costa 12 Giugno 201423:01

Se avete visto l’arbitro usare uno spray e non ci avete capito un cavolo, qui trovate qualche informazione in più: serve per evitare che la barriera si avvicini a chi tira un calcio di punizione.

Lo spray rilascia una sostanza colorante bianca che si disperde poi nell’aria nel giro di circa un minuto, e che permette all’arbitro di tracciare una linea entro la quale debbano mettersi i giocatori in barriera. È stato provato durante gli scorsi Mondiali Under 17 e Under 20 e durante l’ultima edizione del Mondiale per club, che è ancora in corso. Da diversi anni inoltre è utilizzato nei campionati di Argentina e Brasile. La distanza regolamentare stabilita dalla FIFA fra il pallone e i giocatori della barriera dovrebbe essere di 9,15 metri: ma molti giocatori hanno l’abitudine di avvicinarsi al pallone a piccoli passi mentre l’arbitro è di spalle, rendendo quantomeno più complicato il passaggio della palla al di là della barriera.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:49

È finito il primo tempo: Brasile-Croazia 1-1. Consiglio: approfittate per guardare le foto qui sotto, ché meritano.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:42

Ci sono in campo due giocatori di Serie A, entrambi nella Croazia: Vrsaljko (Genoa) e Kovacic (Inter). Ma ci sono tante vecchie conoscenze del calcio italiano, per esempio Thiago Silva (PSG, ex Milan) e Julio Cesar (QPR, ex Inter). 

Francesco Costa 12 Giugno 201422:41

Se avete nostalgia dei Mondiali del 2010, un gentile commentatore propone di mettere questo video in sottofondo.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:39

Una curiosità tattica sul Brasile: i due centrali di difesa, Thiago Silva e David Luiz, sono probabilmente più bravi a impostare il gioco dei due centrocampisti centrali, Luis Gustavo e Paulinho.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:38

Francesco Costa 12 Giugno 201422:35

Il gol di Neymar.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:31

La Croazia ha fatto un guaio a centrocampo, perdendo il pallone e regalandolo a Neymar: corsa verso la porta, tiro dall’altezza della lunetta e gol. E avete presente gli allenatori che esultano poco? Ecco, Scolari no.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:30

Gol di Neymar, pareggio del Brasile! Un tiro da lontano angolatissimo.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:30

Francesco Costa 12 Giugno 201422:28

Ammonito Neymar per una manata a un calciatore croato: ma non una roba violenta, più per prendere posizione in attesa della palla. 

Francesco Costa 12 Giugno 201422:25

Bisogna dire che quattro anni fa la squadra che poi vinse il Mondiale, cioè la Spagna, iniziò con una sconfitta contro la Svizzera.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:24

Ora il Brasile fa sul serio: grande azione di Neymar, cross al centro raccolto da nessuno, tiro da fuori di Oscar e gran parata di Pletikosa. Poi di nuovo tiro di Hulk, deviato in calcio d’angolo. Il pubblico mostra segni di vita e ricomincia a respirare.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:21

L’autogol di Marcelo, qui si vede bene.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:19

Come si dice in questi casi nelle telecronache: il Brasile sta reagendo ma senza concludere granché.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:16

L’autogol di Marcelo: la palla è entrata lenta lenta.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:15

E come ci si riprende adesso?

Francesco Costa 12 Giugno 201422:13

E quindi il primo gol dei Mondiali è un autogol.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:12

Autogol di Marcelo: il Brasile va in svantaggio con un autogol. Mica male come inizio del Mondiale.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:09

L’allenatore del Brasile, Felipe Scolari, somiglia a un attore molto famoso.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:08

Un cross sbilenco della Croazia per poco non diventava un gol.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:07

Primo tiro in porta del Brasile: un colpo di testa di David Luiz piuttosto debole, arrivato in mano a Pletikosa. Per ora però la palla ce l’ha sempre il Brasile.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:04

Durante l’inno nazionale i calciatori del Brasile avevano delle facce da film.

Francesco Costa 12 Giugno 201422:02

È iniziata la partita, sono iniziati i Mondiali.

Francesco Costa 12 Giugno 201421:58

L’aria che tira allo stadio di San Paolo. 

Francesco Costa 12 Giugno 201421:55

Suona l’inno nazionale del Brasile, per la prima volta in questi Mondiali.

Francesco Costa 12 Giugno 201421:53

Sulla Croazia invece avevamo scritto:

La Croazia giocherà la prima partita del Mondiale contro il Brasile, giovedì 12 giugno alle 22, ora italiana (a San Paolo saranno le cinque del pomeriggio). A detta di molti è una partita dall’esito scontato, perché il Brasile è obiettivamente più forte, ma la Croazia è una buona squadra, con buone possibilità di superare la fase a gironi: è capitata nel gruppo A con Messico, Camerun e Brasile, appunto. A questo Mondiale di calcio si è qualificata vincendo lo spareggio tra le migliori seconde che ha giocato contro l’Islanda – 0-0 all’andata, 2-0 al ritorno – dopo essere arrivata seconda nel girone stravinto dal Belgio (in quel gruppo le altre erano Serbia, Scozia, Galles e Macedonia).

(continua qui)

Francesco Costa 12 Giugno 201421:51

Ciao! Cominciano i Mondiali. Le formazioni ufficiali di stasera, intanto:

Brasile: Julio Cesar; Dani Alves, Thiago Silva, David Luiz, Marcelo; Paulinho, Luiz Gustavo; Hulk, Oscar, Neymar; Fred

Croazia: Pletikosa; Srna, Lovren, Corluka, Vrsaijko; Kovacic, Modric, Rakitic; Perisic, Olic, Jelavic

Se volete sapere qualcosa in più sulle squadre che giocano stasera, ci sono le guide del Post.

Il Brasile è la squadra del paese che ospita questa edizione dei Mondiali, è quella che ne ha vinti di più in assoluto (cinque) ed è la favorita obbligata. Secondo un algoritmo sviluppato da Nate Silver, il Brasile ha il 45,2 per cento di possibilità di vincere il torneo (la seconda, nell’ordine, è l’Argentina con il 12,8 per cento). Il Brasile ha partecipato a tutte e 19 le edizioni dei Mondiali ed è arrivata nei primi tre posti nove volte: ed è un paese di sterminata storia, cultura e tifo per il calcio.

Secondo un’analisi del sito di calciomercato Trasnsfermarkt, ha la terza rosa per valore economico dei giocatori (è preceduta da Spagna e Germania: l’Italia è all’ottavo posto). Ancora, ci giocano alcuni dei calciatori più forti in circolazione: c’è il 22enne attaccante Neymar, di cui in Brasile dicono da anni un gran bene ma che al Barcellona, quest’anno, ha fatto “solo” una buona stagione; c’è il 29enne Thiago Silva, il capitano, considerato da molti uno dei migliori difensori degli ultimi dieci anni. E c’è tutta una serie di ottimi giocatori che giocano titolari in grandi squadre europee: fra questi, Hulk (Zenit San Pietroburgo), Dani Alves (Barcellona), Maicon (Roma), Dante (Bayern Monaco). È quindi, piuttosto inevitabilmente, la squadra favorita per vincere il torneo.

(continua qui)

Francesco Costa 12 Giugno 201421:46

Le foto più belle della partita.