• Cultura
  • mercoledì 11 giugno 2014

Chi ha vinto i David di Donatello

"Il capitale umano" e "La grande bellezza" si sono spartiti quasi tutto, Pif è stato scelto come miglior regista esordiente: le foto della serata

Si è svolta martedì sera la cerimonia di consegna della 58 esima edizione dei David di Donatello, i più importanti premi del cinema italiano, assegnati ogni anno dall’Accademia del cinema italiano. I film protagonisti della serata sono stati Il capitale umano di Paolo Virzì, che ha vinto sette premi – tra cui miglior film, miglior sceneggiatura, miglior attrice protagonista (Valeria Bruni Tedeschi) e miglior attore e attrice non protagonista (Valeria Golino e Fabrizio Gifuni) – e La grande bellezza di Paolo Sorrentino, che ne ha vinti nove, tra cui quello per la miglior regia e per il miglior attore protagonista, andato a Toni Servillo.

Pif (Pierfrancesco Diliberto) ha vinto il premio per il miglior regista esordiente per La mafia uccide solo d’estate, Philomena di Stephen Frears è stato scelto come miglior film dell’Unione Europea e Grand Budapest Hotel come miglior film straniero. Hanno ricevuto un premio speciale anche il regista Marco Bellocchio, il produttore Andrea Occhipinti – proprietario di Lucky Red – il regista e sceneggiatore Carlo Mazzacurati (che è morto nel gennaio 2014: l’ha ritirato per lui il produttore Angelo Barbagallo) e Sophia Loren per la sua interpretazione in La voce umana del figlio Edoardo Ponti, che le ha anche consegnato il premio. Loren si è particolarmente commossa e ha definito la premiazione «il più bel momento della mia vita». Qui la lista completa dei candidati e dei vincitori.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.