Il pianoforte abbandonato a New York

È comparso la scorsa settimana sulla spiaggia, sotto il ponte di Brooklyn: non funziona ma ha attirato comunque un sacco di gente

Lunedì scorso sui social network sono comparse foto e video di un pianoforte Mason & Hamlin abbandonato a New York, sulla spiaggia lungo l’East River dalla parte di Manhattan, sotto il ponte di Brooklyn. In particolare un video di martedì mostra una ragazza che lo suona, mentre il pianoforte è mezzo sommerso dall’acqua dell’alta marea. Da allora molte persone sono andate a fotografarlo e fotografarsi, a girare video e a provare a suonarlo: il pianoforte però è piuttosto danneggiato e non produce alcun suono.

Non è chiaro chi l’abbia abbandonato sulla spiaggia e perché, né quale autorità cittadina avrà il compito di rimuoverlo. Non è però la prima volta che un pianoforte viene anonimamente abbandonato in una città: un anno fa, per esempio, ne venne ritrovato uno su una collina nel quartiere di Bernal Heights a San Francisco, con un cartello con scritto “Play me”, “Suonami”, che attirò centinaia di persone a suonare o ascoltare concerti più o meno improvvisati. Tre anni fa invece si parlò molto di un pianoforte mezzo bruciacchiato e abbandonato sulla spiaggia di Miami (in questo caso la storia è molto meno romantica).

– Foto e video del pianoforte sulla collina di San Francisco

Tra i tanti che sono andati a fotografare il pianoforte a New York c’è anche Spencer Platt, un fotografo molto bravo che lavora per l’agenzia Getty Images: è specializzato in reportage in posti di guerra e negli anni scorsi ha lavorato soprattutto in Liberia, in Iraq e in Libano. Nel 2006 ha vinto il premio “World Press Photo” con una fotografia molto discussa, scattata a Beirut: mostrava alcuni ricchi libanesi che da una macchina di lusso scattavano foto fra le macerie di un quartiere di Beirut, dopo un bombardamento aereo.