• Sport
  • domenica 25 Maggio 2014

La festa del Real Madrid per la vittoria della Champions League

I giocatori hanno sfilato per le strade di Madrid fino a tarda notte su un autobus scoperto, circondati da migliaia di tifosi

Sabato 24 maggio il Real Madrid ha battuto 4-1 l’Atletico Madrid al secondo tempo supplementare, e ha vinto la Champions League per la decima volta nella sua storia. La vittoria di questo trofeo – il più importante per i club di calcio europei – era attesa da molto tempo tra i tifosi e gli stessi giocatori e dirigenti della squadra, dopo che il Real era stato eliminato in semifinale per tre anni consecutivi (l’ultima volta che vinse la Champions fu nel 2002). Al termine della partita – giocata a Lisbona, nello stadio “Da Luz” – la squadra è tornata a Madrid, dove è stata accolta da migliaia di tifosi. I giocatori della squadra hanno sfilato per alcune strade della città su un autobus scoperto, arrivando poi a Plaza de Cibeles.

Alla fine della partita c’era stato un altro episodio curioso e divertente in sala stampa a Lisbona. Carlo Ancelotti, allenatore italiano del Real Madrid, stava rispondendo alle domande dei giornalisti presenti quando alcuni dei suoi giocatori – tra cui Sergio Ramos, Marcelo e Pepe – l’hanno interrotto. Ancelotti si è unito ai cori di vittoria dei giocatori, prima di tornare alla conferenza stampa.

La partita ha avuto una storia piuttosto sorprendente: al 36esimo minuto del primo tempo l’Atletico era riuscito a segnare un gol grazie a un colpo di testa del difensore Diego Godín (e in parte grazie anche a un errore del portiere del Real Madrid Iker Casillas), ed è rimasto in vantaggio per tutto il resto della partita fino al terzo minuto di recupero, quando il difensore del Real Madrid Sergio Ramos ha pareggiato con un gran bel colpo di testa di calcio d’angolo. L’Atletico a quel punto era messo fisicamente peggio, e il Real è riuscito a vincere la partita segnando addirittura altri tre gol nei tempi supplementari, con Gareth Bale, Marcelo e Cristiano Ronaldo su rigore.