• Sport
  • giovedì 17 aprile 2014

Il tennis a Monte Carlo

Le foto più belle fin qui del torneo iniziato domenica: si gioca sulla terra, i favoriti sono i soliti Nadal e Djokovic

Sono in corso in questi giorni i Monte-Carlo Rolex Masters, un importante torneo maschile di tennis che fa parte dei World Tour Masters 1000, cioè i nove tornei più importanti organizzati dalla associazione del tennis professionistico (ATP) dopo i quattro del Grande Slam (cioè Australian Open, Roland Garros, U.S. Open e Wimbledon). Il torneo prevede sia la competizione individuale sia quella in doppio; si gioca nel Principato di Monaco, è iniziato il 13 aprile e finirà il 20 aprile. Si gioca su terra rossa, così come nei due prossimi master in programma (cioè quelli di Madrid e Roma) e soprattutto nel prossimo slam, il Roland Garros, che si terrà dal 25 maggio all’8 giugno. I World Tour Masters 1000 si chiamano in questo modo perché assegnano al vincitore del torneo individuale, cioè quello più importante, mille punti validi per la classifica ATP, la più importante per i tennisti professionisti (ogni slam ne assegna invece duemila).

Al momento si stanno giocando gli ultimi incontri del terzo turno, quello che definirà i quarti di finale. Tre accoppiamenti su quattro, però, sono già decisi: Nadal contro Ferrer, Wawrinka contro Raonic e Tsonga contro Federer. I tennisti italiani Andres Seppi e Fabio Fognini sono stati eliminati rispettivamente da Nadal e Tsonga, entrambi al terzo turno. Il vincitore dello scorso anno fu Novak Djokovic, dopo che per otto edizioni di fila – dal 2005 al 2012 – il torneo è stato vinto da Nadal (peraltro battendo per tre edizioni consecutive Roger Federer, dal 2006 al 2008). I favoriti per la vittoria finale sono probabilmente Nadal e Djokovic, che però deve giocare oggi pomeriggio il terzo turno contro il tennista spagnolo Carreño Busta. Nel torneo doppio siamo al secondo turno: le coppie vincitrici disputeranno poi i quarti di finale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.