• Mondo
  • venerdì 11 aprile 2014

Davvero in Francia hanno vietato di mandare email di lavoro dopo le 18?

Risposta breve: no. La risposta lunga ha a che fare con un accordo sindacale su una determinata tipologia di lavoratori

Nei giorni scorsi è circolato molto soprattutto fra i media inglesi e americani – ma anche in Italia – una notizia secondo cui per circa un milione di lavoratori francesi, secondo una nuova legge, sarà presto vietato rispondere alle mail di lavoro dopo le 6 di sera. Hanno dato la notizia, fra gli altri, Gawker, il Guardian, Engadget e il New York Magazine. Molto spesso la questione è stata ulteriormente semplificata, senza far riferimento al milione di lavoratori: semplicemente “Francia, niente email di lavoro dopo le 18:00”.

In certi casi la notizia era accompagnata da commenti personali dell’autore riguardo la presunta “pigrizia” dei lavoratori francesi: Lucy Mangan, sul Guardian, ha scritto che «i lavoratori dovranno resistere alla tentazione di dare un occhio alle cose di lavoro sui loro pc o smartphone, o a qualsiasi altra disdicevole intrusione nel tempo che il governo ha obbligato loro di dedicare a ciò che i francesi chiamano la dolce vita [sic]». Engadget ha eloquentemente titolato il proprio articolo «Per favore, nessuna mail di lavoro dopo le 6: siamo francesi». In realtà, come spiegano l’edizione francese di Slate e Buzzfeed, le cose non stanno come le hanno raccontate i giornali.

Per prima cosa: il documento di cui si parla, che si può leggere qui, non è una legge bensì un accordo fra Syntec, un’associazione di lavoratori nel campo dell’ingegneria e della consulenza privata, e due sindacati francesi, il CFDT e il CGC. L’accordo prevede che i lavoratori che non dispongono di giorni lavorativi “fissi” ma che lavorano a ore – e che quindi non sono coperti dall’obbligo di lavorare per un massimo di 35 ore a settimana, vigente in Francia – possano teoricamente lavorare al massimo fino a 13 ore al giorno, purché riposino per 11 ore fra un giorno di lavoro e l’altro. Non c’è nessun riferimento alle 18 come orario, spiega Buzzfeed: qeull’ora circola solo perché considerata tipicamente “l’orario di uscita dal lavoro”, ma i lavoratori toccati dall’accordo lavorano a ore e non dispongono di turni “tradizionali”. Il «milione» di persone di cui parla il Guardian, inoltresi riferisce probabilmente ai circa 910mila lavoratori affiliati a Syntec, fra i quali però Slate ipotizza che solo una cifra vicina a un quarto di essi verrà interessato dall’accordo (cioè persone che perlopiù occupano ruoli dirigenziali). Duecentocinquantamila persone, quindi, più o meno.

Max Balensi, direttore generale di Syntec, ha spiegato inoltre a Slate: «non impediremo certo a un impiegato che si porta un dossier a casa su una penna USB di lavorarci sopra. Alcune aziende hanno messo dei divieti di lavorare fra le 21 e le 7 del giorno dopo, ma la cosa non funziona per via del fuso orario in vigore in altre nazioni. Noi abbiamo scelto un approccio più flessibile». I negoziati per l’accordo erano in corso da settembre ed erano stati generati da una sentenza della Corte Costituzionale, che aveva rigettato quello precedente giudicandolo insoddisfacente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.