• Mondo
  • mercoledì 12 marzo 2014

Le foto di Bashar al Assad vicino a Damasco

Il presidente siriano ha visitato un ricovero di sfollati in una rara apparizione in pubblico, segno di una sua maggiore fiducia sulle sorti della guerra

Il presidente siriano Bashar al Assad ha visitato oggi alcuni sfollati siriani ad Adra, città a 20 chilometri a nordest di Damasco, in una delle sue rare apparizioni pubbliche fuori dalla capitale. La televisione di stato siriana ha detto che Assad ha «ascoltato i bisogni» degli sfollati e ha detto loro che il suo governo avrebbe continuato ad assicurare i servizi essenziali fino a che non sarebbero tornati nelle loro case ad Adra o in altre zone della Siria. Le fotografie sono state diffuse dagli account ufficiali di Assad sia su Facebook che su Twitter.

Bashar al Assad

Bashar al Assad

Adra si trova vicino ad alcune roccaforti ribelli ad est di Damasco, assediate da tempo dalle forze governative siriane. La sua posizione è strategicamente molto importante per il regime di Assad: si trova infatti sulla strada principale che collega Damasco alla città settentrionale di Homs, unica grande via percorribile per raggiungere la zona costiera occidentale della Siria a maggioranza alauita, lo stesso gruppo religioso di Assad. Già in passato si era parlato della possibilità per Assad e il suo governo, nel caso in cui le cose si fossero messe male, di rifugiarsi in queste zone della Siria, ancora sotto indiscusso controllo delle forze governative. Il fatto che Assad si sia mostrato in pubblico è stata una dimostrazione di maggiore fiducia riguardo alle sorti della guerra: da molti mesi infatti – per diverse ragioni, tra cui le sempre maggiori divisioni nello schieramento dei ribelli siriani e gli aiuti esterni del movimento libanese Hezbollah – sembra che il vantaggio della guerra si sia progressivamente spostato a favore del regime, dopo un periodo di superiorità dei ribelli.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.