• Italia
  • venerdì 21 febbraio 2014

Chi sono i ministri del governo Renzi

La lista dei ministri presentati da Matteo Renzi al presidente della Repubblica al Quirinale: sono 16, non c'è Emma Bonino

I ministri del governo composto e guidato da Matteo Renzi sono stati annunciati venerdì 21 febbraio dallo stesso presidente del Consiglio incaricato Renzi, che si è recato al Quirinale dove ha incontrato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per sciogliere la riserva e accettare di formare il nuovo governo. Dopo l’incontro, Renzi ha comunicato la lista dei ministri proposti a Napolitano che ha confermato le nomine. Il governo giurerà alle 11,30 di sabato 22 febbraio.

Nel governo di Matteo Renzi ci sono 16 ministri, tre dei quali senza portafoglio, e nei prossimi giorni verranno indicati viceministri e sottosegretari. Otto ministri facevano parte del precedente governo Letta (due di loro erano sottosegretari): i tre ministri del Nuovo Centrodestra, in particolare, hanno mantenuto la loro carica. Le donne del governo Renzi sono otto, la metà esatta (nel governo Letta erano 7 su 21 ministri). I ministri con portafoglio sono 13 come nel governo precedente, mentre quelli senza portafoglio sono tre. L’incontro tra Renzi e Napolitano è durato più di due ore e mezza e i cronisti hanno fatto molte ipotesi su scelte che Napolitano avrebbe ritenuto di non accogliere e voluto ridiscutere: soprattutto per la Giustizia (per cui a lungo nel pomeriggio era circolato con grandi certezze il nome del pubblico ministero Niccolò Gratteri) e gli Esteri, per cui la non riconferma di Emma Bonino è già molto criticata. Cliccando sulle foto potete leggere le storie e informazioni sui membri del nuovo governo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.