Maurizio Landini durante un comizio in piazza San Giovanni al termine della manifestazione. (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Landini: «Quella del contratto unico può essere la strada»

Ma solo a condizione di ridurre i contratti atipici, dice il segretario della FIOM

In un’intervista con Roberto Mania pubblicata sabato 28 dicembre su Repubblica, Maurizio Landini, il segretario generale della FIOM (il sindacato dei metalmeccanici della CGIL) ha parlato delle politiche per il lavoro e l’occupazione e ha detto che, a certe condizioni, il “contratto unico” a favore di cui si è espresso Matteo Renzi durante la puntata di “Che tempo che fa” del 22 dicembre, può risolvere alcuni problemi.

Perché dice sì al contratto unico? La Cgil è finora stata prudente, se non contraria, a questa proposta.
«Dico sì al contratto unico se vuol dire cancellare una serie di forme contrattuali inutili che hanno soltanto precarizzato il mondo del lavoro. Dico basta ai contratti di collaborazione, alle false partite Iva, al lavoro interinale, a quello a progetto. Bisogna guardare in faccia la realtà e smetterla di fingere: sono contratti che non servono né alle imprese né ai lavoratori. Penso che Renzi voglia aprire una fase nuova».
Quali forme contrattuali salverebbe?
«Il contratto a tempo indeterminato, l’apprendistato, il contratto a termine e il part time. Con il contratto unico a tempo indeterminato verrebbe allungato solo il periodo di prova»

Renzi ha dichiarato che presenterà i dettagli della sua proposta, chiamata “Job act”, a gennaio. Non si conoscono ancora molti particolari. Renzi ha precisato che nel suo piano ci sarà un unico contratto di lavoro per tutti i dipendenti. Per un periodo iniziale di prova, che durerà alcuni anni, questo “contratto unico”, offrirà poche tutele contro il licenziamento. Al termine di questo periodo “di prova” scatteranno automaticamente alcune tutele come ad esempio quelle garantite dall’articolo 18. Renzi ha dichiarato che il “Job act” dovrebbe introdurre anche una forma più efficace di ammortizzatore sociali nel caso di interruzione del rapporto di lavoro nel periodo di prova durante il quale l’articolo 18 non è in vigore.