Cosa diceva Mandela

25 frasi di una delle persone che hanno cambiato il Ventesimo secolo

Nelson Mandelamorto giovedì 5 dicembre a 95 anni – è considerato una delle persone più importanti del Ventesimo secolo, per le cose che ha fatto e quelle che ha detto. Alcune sue frasi sono famosissime, citate spesso, stampate sulle magliette, scritte su muri e diari: parlano di speranza, della caparbietà di non arrendersi davanti ai fallimenti e al desiderio di libertà e giustizia per tutti. Altre sono meno note ma ugualmente belle.

_ ___ _

«Fondamentalmente sono un ottimista. Non so dire se dipenda dal carattere o dall’istruzione. Parte dell’essere ottimisti è fatto dal tenere la testa verso il sole e muovere i piedi in avanti. Ci sono stati molti momenti difficili in cui la mia fiducia nell’umanità è stata messa alla prova, ma non avrei voluto e potuto abbandonarmi alla disperazione. Quella strada porta alla sconfitta e alla morte.»
(Dall’autobiografia di Nelson Mandela Lungo cammino verso la libertà)

_ ___ _

«No, no, no va tutto bene. I medici mi controllano regolarmente e dicono che non morirò questa settimana.»
(al Larry King Live, 16 maggio 2000)

_ ___ _

«È meglio guidare da dietro e spingere gli altri davanti, specialmente quando festeggi la vittoria, quando accadono cose belle. Si sta in prima linea quando è pericoloso. Allora le persone apprezzeranno la tua leadership.»

_ ___ _

«Una stampa critica, indipendente e investigativa è la linfa vitale della democrazia. La stampa dev’essere libera dalle interferenze statali. Deve avere la forza economica di opporsi alle lusinghe di chi governa. Deve essere sufficientemente indipendente dagli interessi di parte per essere coraggiosa e cercare la verità senza paura o favori. Deve godere della protezione della costituzione, così che possa a sua volta proteggere i nostri diritti di cittadini.»
(Al Congresso dell’International Press Institute, nel 1994)

_ ___ _

«Una delle cose che mi preoccupava era venire innalzato alla posizione di un semidio, perché allora non sei più un essere umano. Volevo essere conosciuto come Mandela, un uomo con delle debolezze, alcune fondamentali, e un uomo impegnato.»

_ ___ _

«Nessuno è nato odiando qualcun altro per il colore della pelle, o il suo ambiente sociale, o la sua religione. Le persone odiano perché hanno imparato a odiare, e se possono imparare a odiare possono anche imparare ad amare, perché l’amore arriva in modo più naturale nel cuore umano che il suo opposto.»
(Dall’autobiografia di Nelson Mandela Lungo cammino verso la libertà)

_ ___ _

«Ho camminato sulla lunga strada per la libertà. Ho cercato di non barcollare; ho fatto passi falsi lungo il cammino. Ma ho imparato che solo dopo aver scalato una grande collina, uno scopre che ci sono molte altre colline da scalare. Mi sono preso un momento per ammirare il panorama glorioso che mi circondava, per dare un’occhiata da dove ero venuto. Ma posso riposarmi solo un momento, perché con la libertà arrivano le responsabilità e non voglio indugiare, il mio lungo cammino non è finito.»

_ ___ _

«La maggior gloria nella vita non è non cadere mai, ma rialzarsi ogni volta che cadiamo.»

_ ___ _

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.