Le foto del murale di Keith Haring restaurato a Philadelphia

Fu realizzato dall'artista 26 anni fa con l'aiuto di alcuni bambini della città

Mercoledì si è concluso il restauro del murale “We The Youth”, realizzato dall’artista americano Keith Haring 26 anni fa, nel quartiere di Point Breeze a Philadelphia. Haring disegnò il murale sulla facciata di una casa nel 1987 con l’aiuto di alcuni bambini della città: raffigura i suoi tipici omini stilizzati e dipinti con colori vivaci, ed è la sua unica opera pubblica e collettiva tuttora intatta e sul luogo originario.

I pittori e restauratori del Programma di arti murali della città hanno lavorato per mesi al progetto sotto la direzione di Jane Golden, che incontrò Haring mentre si trovava a Philadelphia. Alla conclusione del restauro erano presenti anche Erica Bryant e il marito, i proprietari della casa su cui è disegnato il murale.

Le opere di Keith Haring sono tra le più conosciute del Novecento, i suoi famosi omini sono stampati su magliette, poster e altri gadget. Haring ha sempre rivendicato la commercializzazione delle sue opere, spiegando che era in piena continuità con i suoi primi lavori realizzati a basso costo nella metropolitana di New York. L’idea era rendere i suoi disegni accessibili a tutti, in qualche modo.

Gay dichiarato, Haring era un grande sostenitore del sesso sicuro e dei sistemi di contraccezione per evitare malattie sessualmente trasmissibili: nel 1988 i medici gli diagnosticarono l’AIDS e l’anno seguente decise di creare una fondazione per raccogliere denaro e risorse per le associazioni che si occupavano di assistere le persone affette dal virus dell’HIV. Nel 1989 dipinse a Pisa il suo ultimo grande murale dedicato alla pace universale e intitolato “Tuttomondo”. Morì il 16 febbraio nel 1990 per alcune complicazioni legate alla sua malattia.