Le Galapagos viste su Street View

Le nuove gran foto di Google che mostrano il loro habitat senza uguali nel resto della Terra

Nel settembre di 178 anni fa il naturalista Charles Darwin approdò per la prima volta nell’arcipelago delle Galapagos, insieme di 14 isole con un habitat naturale che ha pochi uguali sul resto della Terra. In quel viaggio e nelle esplorazioni seguenti, Darwin osservò specie frutto di un pressoché totale isolamento dal resto del mondo, catalogando e studiando moltissimi animali e vegetali endemici, cioè propri e caratteristici di quei territori. Anche grazie a quelle osservazioni, Darwin elaborò e perfezionò la sua teoria dell’evoluzione.

Come aveva anticipato lo scorso maggio, Google ha da poco pubblicato online una serie di immagini delle Galapagos, inserite nelle proprie mappe con Street View, per rendere omaggio a Darwin e per mostrare lo stato di conservazione delle isole. Il controllo delle Galapagos spetta all’Ecuador, che ha avviato diversi progetti per proteggerle e per preservare le specie e la loro grande ricchezza naturalistica. Il progetto di Google è stato realizzato in collaborazione con la Charles Darwin Foundation e con il Galapagos National Parks Directorate.

Non è la prima volta che Google organizza iniziative simili per fotografare e mettere a disposizione le immagini di luoghi difficilmente accessibili o remoti come la foresta amazzonica, le principali cime montane del pianeta e la barriera corallina.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.