• Mondo
  • venerdì 13 settembre 2013

L’alluvione in Colorado

Le foto delle inondazioni che hanno causato la morte di tre persone e danni a centinaia di edifici, soprattutto nella zona di Boulder

Le forti piogge degli ultimi giorni nella zona delle Montagne Rocciose in Colorado, negli Stati Uniti, hanno causato la morte di almeno 3 persone e gravi danni ad abitazioni e strade. La perturbazione ha interessato un’ampia porzione di territorio compresa tra Fort Collins, nei pressi del confine con il Wyoming, fino a sud attraversando alcune delle più importanti città del Colorado come Boulder, Denver e Colorado Springs. Migliaia di persone hanno dovuto lasciare le loro case a causa dell’aumento del livello dell’acqua e molte strade sono state chiuse, rendendo ancora più difficili gli spostamenti delle squadre di soccorso.

I danni maggiori sono stati registrati a Boulder, dove l’acqua proveniente dalle montagne ha invaso le strade della città allagando centinaia di abitazioni. I detriti trasportati dalle acque hanno danneggiato automobili e infrastrutture, ostacolando il lavoro dei soccorsi. Sono caduti circa 25 centimetri di pioggia nella zona, in un’area che di solito registra precipitazioni non superiori ai 4 centimetri nel mese di settembre.

Nella contea di Boulder sono morte due persone: una è rimasta sepolta sotto i detriti di un edificio crollato a Jamestown, mentre l’altra risulta essere morta affogata. Una terza persona è morta, sempre a causa degli allagamento, a Jamestown, poco più a nord di Boulder.