• Sport
  • mercoledì 31 luglio 2013

100 milioni di euro per Gareth Bale?

Il punto sul presunto affare calcistico dell'estate, tra Tottenham e Real Madrid

Quando finisce il campionato, l’attenzione calcistica si sposta – soprattutto negli anni dispari, senza europei o mondiali – sul calciomercato. Da qualche giorno si parla con insistenza del probabile affare-della-stagione, a livello europeo e mondiale, perché rischia di battere un record assoluto: quello dell’acquisto più costoso di sempre. Il giocatore è il gallese Gareth Bale, le squadre sono il Tottenham (dove gioca oggi) e il Real Madrid, e la cifra è di 100 milioni di euro.

Di solito le cifre esatte dei trasferimenti non si conoscono ufficialmente e possono variare anche parecchio tra le diverse fonti, perché si tratta molto spesso di operazioni complesse in cui sono coinvolte percentuali per gli agenti dei giocatori e pagamenti rateali. L’attuale record per il trasferimento di un giocatore è il passaggio di Cristiano Ronaldo dal Manchester United al Real Madrid, nel giugno 2009: lo United disse di aver ricevuto e accettato un’offerta da 94 milioni di euro.

Nel caso di Bale la stampa spagnola dice che l’offerta è ancora più alta, citando fonti del Real Madrid: almeno 98 milioni di euro. Bale, scrive il Guardian, sarebbe molto favorevole al trasferimento, ma il Tottenham – e in particolare il presidente Daniel Levy – oppone qualche resistenza, anche perché i conti della società sono solidi. Lo scorso anno Levy si oppose con forza anche al trasferimento al Real di Luka Modric, che in risposta non partecipò a un tour negli Stati Uniti e al ritiro della squadra, e poi venne venduto alla fine di agosto.

Per il momento, Bale – che ha ancora tre anni di contratto con il Tottenham – ha un leggero infortunio muscolare, ma ha raggiunto la squadra in ritiro. Non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche sulla sua cessione e non ha fatto formalmente richiesta di andar via, una scelta che secondo la stampa inglese deriva dalla volontà di non guastare il rapporto con la società e con i tifosi, con cui ha stabilito un legame molto solido in cinque stagioni al Tottenham. La sessione di mercato si conclude tra oltre un mese, il 2 settembre.

Chi è Gareth Bale
Gareth Bale ha 23 anni compiuti da poco (lo scorso 16 luglio) ed è da tempo considerato uno dei giocatori più forti d’Europa. È gallese, e il calcio del Galles è sempre stato un po’ preso in giro dagli inglesi, prima di Bale, dato che a differenza degli scozzesi non ha prodotto molti grandi campioni. Dal punto di vista calcistico è un giocatore con una storia particolare: è mancino e ha cominciato come terzino sinistro, è diventato fortissimo come centrocampista sinistro, poi è stato impiegato come ala sinistra e quest’anno – in cui il Tottenham è stato allenato dal portoghese André Villas-Boas – come trequartista, con molta libertà di movimento. È velocissimo ma è anche alto e robusto. Ha un’ottima tecnica, anche se soffre con una certa frequenza di problemi fisici (è già stato operato due volte al ginocchio). Le sue qualità si riconoscono facilmente nella serie dei suoi gol in Premier League di questa stagione, ben 21, di gran lunga il suo campionato migliore tra le sue otto stagioni da professionista:

In Italia tutti si accorsero di Bale nel novembre 2010 quando segnò tre gol all’Inter in una partita di Champions League, all’andata, e poi al ritorno fece tre assist nella vittoria per 3-1 del Tottenham.

Un’altra caratteristica di Bale è la sua grande abilità nel tirare i calci di punizione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.