• Mondo
  • martedì 23 Luglio 2013

Cartoline dalla Corea del Nord

Andarci in vacanza è piuttosto complicato ma le fotografie di Associated Press ci vengono incontro

Descrivere la Corea del Nord è molto spesso un esercizio di immaginazione, visto quanto è complicato andarci. Quando qualcuno ci prova, deve mettere insieme tanti aggettivi molto diversi, e solo così riesce a dare l’idea di quello che ha visto in Corea del Nord – o meglio a Pyongyang, che è tappa fissa dei viaggi organizzati e controllati dalle autorità del paese per i turisti stranieri. Per esempio, il giornale britannico Telegraph descrive la Corea del Nord come la destinazione più «eccentrica, stimolante, spaventosa e divertente» del mondo.

La Corea del Nord è affascinante anche per la sua storia recente, condizionata dalla chiusura della sua dittatura e dal fatto che non ha mai concluso un accordo di pace con la Corea del Sud dopo la guerra 1950-1953, ma solo un armistizio. Per questo, oltre a Pyongyang, ci sono altri luoghi che vale la pena fotografare, e vedere: come gli edifici blu nel villaggio di Panmunjom, nella zona demilitarizzata che divide i due paesi, e il complesso industriale di Kaesong, al centro di un lungo scontro ma anche esempio di collaborazione tra nordcoreani e sudcoreani.