• Mondo
  • sabato 20 Luglio 2013

L’esplosione all’aeroporto di Pechino

Un uomo è rimasto ferito: le prime testimonianze parlano di un disabile che ha fatto esplodere un pacco di polvere da sparo

Sabato 20 luglio, alle 18.24 ora di Pechino, c’è stata una forte esplosione al Terminal 3 dell’aeroporto di Pechino, la capitale della Cina. Secondo le prime immagini e testimonianze riportate da diversi utenti di Weibo, il popolare social network cinese, l’esplosione avrebbe causato solo un ferito, immediatamente soccorso dai funzionari dell’aeroporto, e qualche danno. Il Terminal 3 è già ritornato pienamente operativo.

La televisione di stato cinese CCTV ha detto che il responsabile dell’esplosione è un uomo di 34 anni di nome Ji Zhongxing, proveniente da Heze nella provincia di Shandong, che si trova nella Cina orientale a sud di Pechino. Ha aggiunto che l’uomo ha fatto scoppiare vicino all’uscita B del terminal “un pacco di polvere da sparo”, che veniva probabilmente da fuochi d’artificio, e che ora si trova in ospedale, vivo. Non si conoscono i motivi del gesto.

Un’immagine pubblicata su Weibo mostra un uomo seduto su una sedia a rotelle, che tiene in mano sopra la testa un pacco bianco: secondo l’utente che l’ha caricata, si tratta del responsabile dell’esplosione e unico ferito nell’attentato.