• Sport
  • mercoledì 17 luglio 2013

I Mondiali in Qatar si giocheranno d’inverno?

Sepp Blatter ha detto che giocare d'estate con 50 gradi non è possibile: questa posizione potrebbe influenzare il comitato esecutivo della FIFA, che finora ha respinto l'idea

Sepp Blatter, il presidente della FIFA – l’organizzazione di governo del calcio mondiale – ha annunciato che chiederà al comitato esecutivo di far disputare i Mondiali di calcio del 2022, che si giocheranno in Qatar, nel periodo invernale: si tratta di un parere importante, che arriva dopo quelli favorevoli di Michel Platini, il presidente della UEFA, e di Hassan Al Thawadi, il segretario generale del Comitato organizzatore del Qatar. Fino a oggi il comitato esecutivo della FIFA ha respinto quest’ipotesi, soprattutto per le numerose proteste delle federazioni nazionali.

Il problema – ha spiegato Blatter – sono le temperature del paese, che in estate possono anche raggiungere i 50 gradi. Mancano ancora diversi anni ai Mondiali del 2022 e per questo c’è ancora tempo per organizzarsi, ha aggiunto: un cambiamento del genere, infatti, comporterebbe anche una riorganizzazione dei campionati nazionali dei paesi che parteciperanno ai Mondiali. Fino a oggi le federazioni nazionali hanno detto in maggioranza di essere contrarie a stravolgere il calendario dei loro campionati, soprattutto per motivi economici legati ai diritti televisivi.

Il problema, secondo Blatter, non riguarda tanto la condizione dei campi da gioco, dato che in Qatar stanno progettando sistemi di raffreddamento, o il caldo per gli spettatori, perché si prevede che sugli spalti saranno installati dei sistemi di aria condizionata: il vero problema potrebbe riguardare tutte le attività che girano intorno al Mondiale, da quelle sociali a quelle commerciali che saranno organizzate dal comitato del Qatar. Va ricordato che dei ventidue membri del comitato esecutivo della FIFA, quattro appartengono a paesi mediorientali: Qatar, Turchia, Cipro ed Egitto. Questi quattro voti furono già decisivi quando era in corso la gara per l’assegnazione dei Mondiali del 2022.

Foto: il presidente della FIFA Sepp Blatter ( YURI CORTEZ/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.