Foto Roberto Monaldo / LaPresse20-02-2013 RomaPoliticaTrasmissione "Porta a Porta"Nella foto Silvio BerlusconiPhoto Roberto Monaldo / LaPresse20-02-2013 RomeTv program "Porta a Porta"In the photo Silvio Berlusconi

La Corte Costituzionale ha respinto il ricorso di Berlusconi

Era stato sollevato quando era presidente del Consiglio per partecipare a una riunione del consiglio dei Ministri, nel giorno di udienza del processo Mediaset

Foto Roberto Monaldo / LaPresse20-02-2013 RomaPoliticaTrasmissione "Porta a Porta"Nella foto Silvio BerlusconiPhoto Roberto Monaldo / LaPresse20-02-2013 RomeTv program "Porta a Porta"In the photo Silvio Berlusconi

La Corte Costituzionale ha respinto il ricorso sul legittimo impedimento presentato da Silvio Berlusconi per l’udienza del primo marzo 2010, nel processo sulla compravendita dei diritti tv Mediaset. La decisione della Corte Costituzionale è stata presa in merito al conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato sollevato dalla presidenza del Consiglio, quando Berlusconi era presidente e il processo era nella fase del primo grado di giudizio. In quell’occasione il Tribunale di Milano respinse la richiesta di rinvio dell’udienza chiesto dalla difesa. Berlusconi, l’8 maggio scorso, è stato condannato dalla Corte d’Appello di Milano a 4 anni di carcere e a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici per frode fiscale. La decisione della Corte Costituzionale non avrà nessuna ripercussione sulla sentenza della Corte d’Appello di Milano, su cui dovrà pronunciarsi la Corte di Cassazione.

No al legittimo impedimento di Silvio Berlusconi, all’epoca dei fatti premier, a partecipare all’udienza del primo marzo 2010 del processo Mediaset. La Corte Costituzionale ha respinto il conflitto di attribuzione tra poteri sollevato da Palazzo Chigi nei confronti del tribunale di Milano, dove era allora in corso il procedimento, nell’ambito del quale il leader del Pdl è stato condannato in primo grado e in appello a 4 anni di reclusione (3 coperti da indulto) e a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici, e che nei prossimi mesi approderà in Cassazione.

(Continua a leggere sul sito del Corriere della Sera)

Foto:  Silvio Berlusconi (Roberto Monaldo/LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.