• Cultura
  • mercoledì 15 maggio 2013

Le foto del primo giorno di Cannes

È arrivato Leonardo DiCaprio a presentare Il Grande Gatsby, ma sono passati anche Justin Timberlake, Steven Spielberg, Nicole Kidman e Pelé

Oggi è cominciata ufficialmente la 66esima edizione del Festival del cinema di Cannes, con le prime proiezioni e la conferenza stampa di presentazione delle giurie. La giuria del concorso è presieduta da Steven Spielberg, affiancato da Daniel Auteuil, l’attrice indiana Vidya Balan, la regista giapponese Naomi Kawase, Ang Lee, Christoph Waltz, Nicole Kidman, e poi il regista rumeno Crisian Mungiu e la regista scozzese Lynne Ramsay.

E oggi sono arrivati anche i primi attori: Leonardo DiCaprio, Carey Mulligan e Tobey Maguire hanno partecipato alla conferenza stampa di presentazione del film Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann. Il film, fuori concorso, viene proiettato stasera una seconda volta, con più cerimonie e più tappeti rossi. Steven Spielberg ha scherzato con Ang Lee e si è dimostrato con disinvoltura molto più basso di Nicole Kidman. Si sono visti anche Justin Timberlake e Pelé, entrambi a promuovere due film che ancora non esistono.

Il regista danese Thomas Vinterberg sarà per questa edizione il presidente della giuria di “Un Certain Regard”, la sezione del festival che premia opere originali di autori ancora poco conosciuti, composta dalle attrici Zhang Ziyi e Ludivine Sagnier, la direttrice del Festival di Rio Ilda Santiago e il produttore spagnolo Enrique Gonzalez Macho.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.